Cop26, le “oltraggiose” barriere architettoniche che hanno negato l’ingresso al ministro in sedia a rotelle

Per i disabili, purtroppo, non è nulla di nuovo. Tante volte si saranno scontrati, in base al grado di civiltà del proprio Paese, con il problema delle barriere architettoniche che gli impediscono di accedere o transitare in alcuni luoghi. Ci si aspetterebbe però,  dalla sede scelta per la Cop26, un grado di attenzione maggiore e invece non è stato così. La ministra israeliana Karine Elharrar, sulla sedia a rotelle, una volta arrivata alla conferenza si è vista negare l’accesso.

Maggiori informazioni

Sandro Biviano replica: “Politici sedetevi un giorno sulla sedia a rotelle per capire!”

Puntuale arriva la replica di Sandro Biviano, alla nota pubblicata dall’amministrazione comunale di Lipari, dopo il duro post dello stesso, dove lamentava una serie di disservizi. Secondo Biviano, affetto da una malattia genetica degenerativa, il Comune della sua isola non sta tutelando i diritti dei disabili e invita i consiglieri, assessori e sindaco a trascorrere una giornata sulla sedia a rotelle, per meglio comprendere le molteplici barriere architettoniche presenti sull’isola che si vanno ad aggiungere al mancato rinnovo del servizio del pulmino dei disabili.

Maggiori informazioni

Italdesign WheeM-i, “assistente” per chi usa sedie a rotelle

Immaginato per sharing, è finalista Mobility Unlimited Challenge.
Il  progetto Wheelchair Mobility Integration, o meglio WheeM-i, firmato da Italdesign è stato selezionato come uno dei cinque finalisti del concorso Mobility Unlimited Challenge della Toyota Mobility Foundation e che prevede premi per 4 milioni di dollari. Organizzato in associazione con il Nesta Challenge Prize Centre, Il Mobility Unlimited Challenge punta a supportare miglioramenti radicali per la mobilità e l’indipendenza di persone con paralisi degli arti inferiori attraverso tecnologie assistive intelligenti ed ha raccolto quest’anno ottanta progetti da 28 Paesi di tutto il mondo.

Maggiori informazioni

Condominio ACER senza barriere Arriva l’ascensore per disabili

L’ascensore per i disabili diventa realtà. L’inaugurazione l’altro ieri con l’assessore alla Casa Virginia Gieri che ha consegnato le chiavi dell’impianto ai condomini per un elevatore esterno in un palazzo a proprietà mista Comune di Bologna-privati gestito da Acer. Un intervento necessario per andare incontro alle esigenze di un abitante del palazzo costretto in casa da tempo perché su di una sedia a rotelle.

Maggiori informazioni