BUSSOLENO ELIMINERÀ LE BARRIERE ARCHITETTONICHE

Nel consiglio comunale di lunedì 28 dicembre, a Bussoleno, si è parlato di abbattimento delle barriere architettoniche, in seguito ad una mozione presentata dai Capi Gruppo Caterina Agus di Insieme In Comune e Antonella Zoggia di Obiettivo Bussoleno. La mozione prevede l’istituzione di un Tavolo di Lavoro che si occupi di censire e mappare le barriere architettoniche presenti sul territorio di Bussoleno, al fine di promuovere la piena accessibilità degli spazi pubblici da parte di tutti i cittadini.

Maggiori informazioni

Disabili: al via prima road map per persone in difficoltà

Si chiama “Agendo per l’Agenda” ed è la road map avviata dalla Fondazione Crt con la Consulta per le Persone in Difficoltà per costruire la prima Agenda della Disabilità in Italia: un piano di azioni concrete “firmato” dalle istituzioni e dalla società civile sulla base delle proposte e delle esigenze delle organizzazioni non profit.
L’Agenda – che sarà pronta per il 3 dicembre 2021 in occasione della Giornata Internazionale per la Disabilità – sarà costruita attorno a 6 temi: abitare sociale, sostenere le famiglie, vivere il territorio, lavorare per crescere, imparare dentro e fuori la scuola, curare e curarsi.

Maggiori informazioni

La Sala Gonin: un tesoro ottocentesco nascosto alla stazione di Porta Nuova (Torino)

Cosa? C’è una sala affrescata dell’Ottocento a Porta Nuova? Un piccolo gioiello della Torino barocca nascosta tra le mura della stazione? Eh sì, avete capito proprio bene. Non tutti i torinesi sanno (anzi, molto pochi a dire il vero) che nella stazione di Porta Nuova si trova una stanza progettata nel 1864 come sala d’attesa di prima classe per ospitare la famiglia reale che aspettava di prendere il treno.

Maggiori informazioni

Gladiatori in carrozzina, ecco l’app che mappa gradini, buche e locali

Benvenuti gladiatori. È la traduzione di WeGlad (Welcome Gladiators), il nome dell’app nata per mappare locali, strade, buche, gradini delle città di tutto il mondo per favorire la circolazione delle persone in carrozzina. «Volevamo un nome che facesse capire a tutti quanto le persone con difficoltà motorie compiano un’impresa eroica ogni volta che escono di casa. Per loro le città sono un’arena», raccontano i fondatori, Paolo Bottiglieri e Petru Capatina, torinesi di 28 e 24 anni che nell’ultimo anno hanno stravolto le loro vite per dare vita a questo progetto.

Maggiori informazioni