Calascibetta (EN): Il grido d’allarme di una città poco accessibile alle persone con disabilità

La storia che sto per raccontarvi ha dell’incredibile, anche se non è del tutto nuova per una persona o per i propri familiari che vivono in prima persona una disabilità. A raccontare i fatti che stiamo per documentare la signora Maria Assunta Ricca Mamma di Leonardo Castrianni, un ragazzo di 18 anni affetto da una tetraparesi paresi spastica che lo porta a usare una sedia a rotelle. Situazione che di certo non ha fermato i genitori di fronte alla propria volontà di far vivere al proprio figlio una vita come tutti gli altri facendolo partecipare pienamente alla vita della propria comunità. I fatti che vi stiamo per raccontare hanno luogo in una piccola comunità in provincia di Enna, Calascibetta, e riguardano le barriere architettoniche.

Maggiori informazioni

Il sogno dell’atleta paraolimpico Moreno Pesce: ad Alagna la prima scuola di alpinismo per disabili

Turismo in quota sempre più accessibile grazie a un progetto di inclusione che vedrebbe ad Alagna la prima scuola di alpinismo per persone disabili. Un’idea che sta cercando di sviluppare il bellunese Moreno Pesce, che nel 1997, in seguito a un incidente stradale, ha perso la gamba sinistra. Negli ultimi anni l’atleta paralimpico ha imparato a conoscere la Valsesia attraverso una sfida che da personale è diventata molto più ampia: l’obiettivo è quello di arrivare fino ai 4.554 metri della Capanna Margherita. In collaborazione con l’organizzazione della Monte Rosa Sky Marathon, ha creato il progetto  “Ama-bilmente” che  nel 2019 ha portato sul Monte Rosa  sette atleti amputati. Un’avventura che si ripeterà anche quest’anno, tra il 15 e il 20 giugno, con un nuovo tentativo di salita al rifugio più alto d’Europa.

Maggiori informazioni