L’inclusione? E’ anche pulire insieme un parco pubblico

Suona il telefono, è la mia carissima amica Paola. Dopo i soliti convenevoli, come in ogni telefonata durante il lockdown mi esprime tutta la sua angoscia per non saper come far trascorrere la giornata a Sara, la figlia trentenne con una disabilità importante. Le uniche due cose che interessano alla ragazza sono andare al ristorante e fare la spesa nei vari supermercati della zona. Attività attualmente proibite dalle normative anti Covid.

Maggiori informazioni