Via Venezia: prosegue la “guerra” alle barriere architettoniche

Via Venezia: prosegue la “guerra” alle barriere architettoniche

Dal 2020 ad oggi investiti 445.000 euro per rendere più inclusive numerose vie e arterie principali della Città. Da domani lavori in Via Venezia, che resterà chiusa fino a fine aprile, ma avrà un nuovo acquedotto, oltre ad asfalto e marciapiedi rinnovati.

Al via a partire da mercoledì 17 marzo i lavori stradali in via Venezia, via Degli Olmi e, in un secondo momento, in via Ugo Foscolo. Operazioni che rientrano in un progetto più ampio volto a rendere sempre più inclusiva Desenzano e a dare decoro a tutte le aree della Città.

L’INTERVENTO: ACQUEDOTTO E RIQUALIFICAZIONE

Sono tre le vie coinvolte nelle operazioni: la prima fase vedrà interessate via Venezia e via Degli Olmi per la sostituzione da parte di Acque Bresciane dell’acquedotto; una volta terminate le operazioni sarà invece un tratto di via Ugo Foscolo ad affiancarsi a via Venezia per la riqualificazione di strade e marciapiedi.

Mercoledì 17 marzo i protagonisti saranno dunque gli operai di Acque Bresciane in via Venezia e via Degli Olmi per il rifacimento della rete acquedottistica: la tratta resterà chiusa al transito, fatta eccezione per i residenti. Conclusa questa prima fase, entrerà in scena il Comune che procederà con la riqualificazione della stessa via Venezia e di via Ugo Foscolo, abbattendo le barriere architettoniche presenti grazie all’asfaltatura del manto stradale e al rifacimento dei marciapiedi, intervento già eseguito e concluso in Via Di Vittorio e Via Giovanni XXIII. Questo comporterà ovviamente la prosecuzione della chiusura al transito delle vie fino a fine aprile, ma il risultato sarà un’area completamente riqualificata e accessibile a tutti.

IN UN ANNO INVESTITO QUASI MEZZO MILIONE CONTRO LE BARRIERE ARCHITETTONICHE

La linea dell’Amministrazione è chiara sul tema dell’inclusività ed è supportata dai fatti: nel 2020 infatti il Lungolago Cesare Battisti è stato “ripulito” dalle radici degli alberi, diventate ormai veri e propri ostacoli per le persone con mobilità ridotta: i lavori hanno consentito di eliminare questo pericolo rendendo le sporgenze dal terreno innocue per chiunque desideri attraversare la zona; stesso discorso vale per la centrale via Marconi che dispone ora di nuovi marciapiedi, completamente ripavimentati e soprattutto con le rampe rifatte per consentire l’accessibilità in sicurezza delle carrozzine. Il totale delle due operazioni è stato di 105.000 euro.

Le attività di manutenzione stradale non si sono fermate e sono proseguite con le vie Di Vittorio e Giovanni XXIII (340.000 euro complessivi): anche in questo caso sono stati ripavimentati completamente i marciapiedi e, dove necessario, sono stati anche allargati per la sicurezza dei pedoni; è stato rifatto il manto stradale e, per via Di Vittorio, è stata anche inserita una nuova linea di punti luce, mentre quelli già esistenti sono stati ricollocati vicino ai muri di cinta.

IL COMMENTO DEL SINDACO E DELL’ASSESSORE

Il primo cittadino Guido Malinverno fa il punto della situazione: “Le operazioni che andremo a fare in via Venezia sono la naturale continuazione di quanto fatto sin dal primo giorno di insediamento come Amministrazione comunale. L’attenzione e la sensibilità al tema dell’inclusione hanno sempre accompagnato il nostro operato e continueranno a farlo in tutti gli ambiti delle nostre azioni.”.

Chiosa l’Assessore alle Opere Pubbliche Giovanni Maiolo: “Sul tema dell’abbattimento delle barriere architettoniche, stiamo seguendo scrupolosamente le schede indicate all’interno del PEBA. Oltre al mezzo milione investito dal ad oggi 2020, ci eravamo già attivati precedentemente sul territorio con le riqualificazioni inclusive di via Agello, via Irta, via Padre Annibale di Francia e via Gramsci. Siamo orgogliosi di aver intrapreso questa linea che continueremo a portare avanti per avere una Desenzano sempre più decorosa e che tenga conto delle necessità di tutti”.

Da Gardapost 16/3/2021

admin

Lascia un commento