Venti scivoli per i disabili: via le barriere dalle strade Ma c’è la firma dei vandali

Venti scivoli per i disabili: via le barriere dalle strade Ma c’è la firma dei vandali

Venti scivoli per i disabili: via le barriere dalle strade Ma c’è la firma dei vandali

L’unica sorpresa sgradita: i soliti ignoti hanno approfittato della notte per incidere nel cemento fresco di uno dei nuovi scivoli per l’accesso delle carrozzelle al marciapiede, quello di via Levadello, una stella a cinque punte con la scritta Angel, un simbolo «satanico» che sarà visibile a quanti raggiungono a piedi il polo scolastico e il parco Life. PER IL RESTO tutto bene. La costruzione di una ventina di scivoli per l’accessibilità dei marciapiedi, iniziata una decina di giorni fa, non ha comportato disagi al passaggio di veicoli e pedoni, anche per la chiusura delle lezioni che ha quasi desertificato il transito. Gli scivoli, quasi tutti rettangolari e quelli in angolo a quarto di cono rovesciato, sono già stati tutti aperti. L’intervento, che non finisce qui, sta gradualmente rendendo accessibili tutti i marciapiedi alle carrozzelle delle persone con disabilità motorie. Il minicantiere di ogni scivolo, cintato con nastro bianco e rosso, richiedeva poche ore di lavoro, distribuite su due o tre giorni. Concluso l’intervento con il getto, gli operai lisciavano il cemento, creando una leggera ruvidità, poi lo cintavano segnalando l’area con un cartello e il nastro. Sfruttando il bel tempo e l’assenza degli studenti, l’impresa li ha realizzati su tutti i tratti di marciapiedi di via Val Padana, via Attiraglio e via Leoncavallo. I LAVORI diretti dall’ufficio tecnico, ne hanno realizzati una ventina sulla viabilità del quartiere costruito una ventina di anni fa sui due lati di via Levadello. «Nell’ambito del piano asfaltature – ha dichiarato il vicesindaco Gianmarco Cossandi . sono stati realizzati alcuni interventi di abbattimento delle barriere architettoniche. Per una città per tutti vanno realizzati almeno gli obiettivi minimi di accessibilità, intervenendo progressivamente per rispondere al diritto di tutti i cittadini di fruire degli spazi urbani. È un percorso lungo che abbiamo avviato da tempo su strade e marciapiedi, accesso alla biblioteca e nuovi giochi dei parchi urbani. Come altre città – ha concluso il vicesindaco – Palazzolo si vuole impegnare per migliorare la qualità della vita di tutti, ora intervenendo su alcuni marciapiedi in futuro su altre aree e strutture».

Da Brescia Oggi-1 mar 2020

admin

Lascia un commento