Strisce pedonali e dossi per avere più sicurezza

Strisce pedonali e dossi per avere più sicurezza

In tutto 9 interventi da attuare nelle zone più frequentate. Disincentivi alle scorciatoie per evitare l’incrocio Sp1/Sp8

Il Comune di Casaloldo ha vinto il bando di 40.000 euro per il finanziamento di due attraversamenti pedonali sulla Provinciale 1 e di sette dossi rallentatori sulle vie interne del Comune. I due attraversamenti pedonali saranno creati nel tratto urbano più centrale e frequentato e saranno finalizzati a mettere in sicurezza l’utenza più fragile, a ridurre il rischio di incidenti per pedoni e ciclisti, ad abbattere le barriere architettoniche costituite dagli attuali marciapiedi e ad agevolare i conducenti con una guida più sicura e responsabile.

Il primo attraversamento collegherà due zone particolarmente frequentate, soprattutto da minori, famiglie e anziani: da una parte della strada, l’area è adibita a parcheggio a servizio di 5 attività commerciali; dall’altra, 8 attività commerciali. Il secondo attraversamento sarà a servizio dell’accesso a piazza Virgilio, frequentata da minori, famiglie e anziani in quanto ospita gli ambulatori dei medici di base e la casetta dell’acqua, con un utilizzo che si intensifica nei mesi caldi; e poi il parco giochi inclusivo più grande dell’intero territorio comunale, che diventa luogo di aggregazione e socializzazione durante tutto l’anno e in particolare da marzo a settembre inoltrato.


Per quanto riguarda i sette dossi, il Comune ha rilevato la loro necessità poiché la Sp 8 si collega alla Sp 1 tramite un semplice incrocio a “T”. La Sp 8 è anche l’unica arteria di collegamento fra Casaloldo e Castel Goffredo, con i maggiori insediamenti produttivi artigianali e industriali del Distretto della Calza. Tali impianti, inevitabilmente, innescano un traffico sostenuto di mezzi e persone durante tutto l’anno. In particolare nelle ore di punta dei giorni lavorativi, al momento di ingresso e uscita da uffici o fabbriche.

Pertanto sull’incrocio Sp 1/Sp 8 di Casaloldo si affollano code lunghissime di auto in attesa. Nel tentativo di evitare questa sosta forzata e il ritardo che ne consegue, molti autisti, anche con veicoli ingombranti, by-passano l’incrocio utilizzando le vie comunali laterali alla Sp 8, progettate a sostenere solo il transito dei residenti. Le strade comunali interessate sono le vie Verdi, Mantegna, Brodolini e Paradiso. Tenuto conto del progressivo aumento del traffico e della densità di residenti, il Comune ha deciso di intervenire e permettere la circolazione in un solo senso di marcia. Nonostante questo e gli assidui controlli della Polizia locale, i veicoli transitano a velocità elevata e pericolosa, certo non confacente a zone residenziali. Gli obiettivi erano dunque: realizzare sette dossi in conglomerato bituminoso, posizionati in punti strategici per rallentare i veicoli in transito, riducendo anche il limite consentito a 30 chilometri orari; ridurre il rischio di incidentalità stradale in una zona densamente abitata; rendere più sicure le strade per gli utenti più vulnerabili; dissuadere i conducenti a utilizzare queste vie comunali.

Questo risultato fa seguito alla costruzione già avvenuta dei due attraversamenti pedonali sulla Sp 1 all’ingresso del paese arrivando da Piubega e sulla Sp 8, all’ingresso del paese arrivando da Castel Goffredo.

Da Gazzetta di Mantova 20/3/2021

admin

Lascia un commento