Stop alle barriere architettoniche Il Comune prepara una scheda e chiede aiuto a tutti i cittadini

Stop alle barriere architettoniche Il Comune prepara una scheda e chiede aiuto a tutti i cittadini

Per dare applicazione a una legge del 1986 abbattendo tutti gli ostacoli

Chiunque da oggi potrà segnalare in maniera regolamentata e predefinita la presenza di barriere architettoniche in città e avrà un ruolo da protagonista all’interno del Peba, il Piano per l’eliminazione delle barriere architettoniche. L’attività di rilevazione delle barriere architettoniche, nella quale saranno impegnati le associazioni, i cittadini e gli studenti, costituirà la base su cui saranno programmati gli interventi. È stata predisposta la scheda di segnalazione da distribuire ai cittadini: una parte è dedicata alla localizzazione e descrizione della criticità, un’altra alla comunicazione del livello di gravità dell’ostacolo.

Nella prima, bisognerà indicare, tra l’altro, la categoria della barriera architettonica: servizi privati, attività commerciali, strade, marciapiedi, parcheggi, trasporti pubblici, parchi e giardini, segnaletica, cartellonistica o altro. Nella seconda l’entità dell’ostacolo – superabile, difficile, grave – e la priorità del servizio – utile, importante, essenziale. Parte da qui l’attivazione del Piano che intende coinvolgere scuole, associazioni e cittadini invitati a collaborare per l’individuazione dei luoghi della città che necessitano di interventi volti a rendere possibile la mobilità di persone anziane, con disabilità fisica, percettiva o sensoriale, genitori con passeggini per i bimbi piccoli.

Si tratta dell’adempimento di una legge che risale addirittura al 1986 ma sulla cui attuazione il Comune di Cesano Maderno è in ottima compagnia, con la stragrande maggioranza dei Comuni italiani, tanto che, prima del lockdown si erano moltiplicate le manifestazioni di protesta a livello nazionale da parte delle associazioni di disabili. Ora finalmente Cesano è pronta a partire e ha costituto un gruppo di lavoro tra più assessorati. Ne fanno parte il vicesindaco e assessore ai Lavori pubblici Celestino Oltolini, l’ingegner Fabio Fabbri, dirigente dell’Area Servizi al Territorio, l’assessore all’Ambiente, Salvatore Ferro, l’assessore all’Istruzione, Pietro Nicolaci, l’assessore alla Cultura, Silvia Boldrini, ed è inoltre costituito da due consulenti esterni, il dottor Claudio Palvarini e l’ingegner Marco Viscardi, e da Simone Rho, per la Dote Comune a Cesano Maderno.

Da Il Giorno 29/1/2021

admin

Lascia un commento