Sei progetti per una Cassano accessibile a tutti

Sei progetti per una Cassano accessibile a tutti

L’Amministrazione comunale di Cassano d’Adda ha deciso di mettere mano al portafoglio finanziando una serie di elaborati, alcuni ideati dai cittadini nel bilancio partecipativo del 2018, per rimuovere le barriere architettoniche.

Verso una città sempre di più a misura d’uomo e accessibile a tutti. Questo il sentiero verso il quale si sta muovendo l’Amministrazione comunale di Cassano d’Adda che recentemente ha finanziato una serie di progetti atti prevalentemente a rimuovere le barriere architettoniche e a favorire la mobilità sostenibile.

Cassano d’Adda vuole diventare una città più accessibile

Marciapiedi senza dislivello o con le discese troppo ripide, strade prive di attraversamenti pedonali; e ancora, gradini davanti ai negozi. Sono solo alcune delle criticità che ancora contraddistinguono la città di Cassano d’Adda, come ben testimoniano gli scatti di Giorgio Lamperti Tornaghi, presidente del Circolo fotografico Gino Ascani e disabile motorio. Per questo recentemente l’Amministrazione, tramite una apposita delibera di Giunta, ha deciso di finanziare la realizzazione di sei progetti urbanistici legati alla rimozione delle barriere architettoniche. Con la particolarità che la maggior parte di essi era stata presentata dagli stessi cittadini cassanesi durante l’esposizione del Bilancio partecipativo nel 2018.

Dalla sistemazione dei marciapiedi agli stalli per le bici

Nei desiderata dei cassanesi c’è un po’ di tutto. In particolare una serie, di piccoli interventi  che risolverebbero grandi problemi ai disabili motori e ai genitori che portano in giro i figli con il passeggino. Ma c’è anche chi chiede rastrelliere per le biciclette da posizionare nei punti chiave della città, dove l’attuale offerta di parcheggi per la mobilità dolce è carente rispetto all’offerta. In ogni modo, per quanto riguarda l’eliminazione delle barriere architettoniche per Giorgio Lamperti Tornaghi, rispetto al 2018 qualcosa è stato fatto.

“Le criticità erano sicuramente maggiori. La situazione è quindi leggermente migliorata, ma c’è ancora tanto da fare”

Da Prima la Martesana 28/3/2021

admin

Lascia un commento