Segrate, lavori per abbattere le barriere architettoniche

Segrate, lavori per abbattere le barriere architettoniche

Qualcosa si sta risolvendo grazie alle segnalazioni della cittadina Francesca Maiorano

Segrate (Milano), 27 dicembre 2019 – Girare in carrozzina non è sempre facile, ma Francesca Maiorano ha fatto della difficoltà a camminare un modo per aiutare altre persone in difficoltà. Un occhio vigile sulle barriere architettoniche per trasformare Segrate in una città amica disabili. È un impegno che porta avanti da anni, lei che per potersi alzare dalla carrozzina è volata in Spagna per provare delle cure sperimentali in grado di farla camminare.

Ottimi risultati inziali, poi bloccati dal sistema sanitario italiano che non prevede percorsi di fisioterapia adeguati alle sue necessità. E così, tornata a Segrate, ha fatto della sua difficoltà a muoversi in carrozzina su strade e marciapiedi dissestati una pungolo per il Comune. E qualcosa si è mosso. “Grazie alle segnalazioni puntuali della nostra concittadina Francesca, abbiamo sistemato alcune criticità sulle nostre strade – dice il sindaco, Paolo Micheli – che rendevano difficili gli spostamenti delle persone in carrozzella. Piccoli, ma importanti interventi per eliminare alcuni fastidiosi ostacoli sulle nostre strade e che ora faciliteranno l’attraversamento pedonale o il transito sui marciapiedi“. La strada per eliminare gli ostacoli è ancora lunga, tante le situazioni da migliorare. “Anche a Segrate ci sono ancora diverse fastidiose barriere architettoniche da eliminare”, aggiunge Micheli.

Da Il Giorno-26 dic 2019

admin

Lascia un commento