Percuzzi: «Troppe barriere in città e negli stabili»

Percuzzi: «Troppe barriere in città e negli stabili»

«Notiamo da parte dell’amministrazione comunale una certa disattenzione rispetto a temi fondamentali come l’abbattimento delle barriere architettoniche lungo i marciapiedi e la sicurezza degli stabili pubblici». Ad affermarlo in una nota la segretaria del Partito democratico Michela Percuzzi.


«Nelle centralissime via Gioberti, via San Francesco e via Garibaldi – sostiene – le segnalazioni di marciapiedi malconci sono ripetute». «È stato chiesto più volte di provvedere alla messa in opera di uno scivolo per disabili – continua la segretaria dem – alla sede del Csm che ospita anche uno studio di medicina di base, sul lato di via Romana di fronte alla fermata dell’autobus». Mentre i lavori di «rifacimento all’interno del giardino erano in corso due anni fa e quindi si poteva intervenire senza disagi ulteriori per l’utenza».


«Inoltre – sempre Percuzzi – si era anche segnalato il degrado dell’area esterna dell’Ufficio postale in via Valentinis e anche l’assenza di uno scivolo per l’utenza in carrozzina: è presente solo un montacarichi messo in uso dall’impiegato postale al bisogno».

«Non solo – continua – è doverosa l’attuazione del Peba, Piani di eliminazione delle barriere architettoniche, ma ricordiamo che la manutenzione di strade e marciapiedi è ordinaria amministrazione». «Manca completamente – osserva Percuzzi – una visione di territorio e una programmazione a favore di interventi spot. Non solo viene a mancare la cultura della sicurezza, ma eventuali risarcimenti al Comune per infortuni causati da buche graveranno sui conti pubblici cittadini, cioè pagheranno tutti i cittadini».

«Aspettiamo fiduciosi – conclude la segretaria cittadina del Partito democratico – il nuovo piano regolatore comunale da anni allo studio e di ripensare seriamente la nostra Monfalcone come una città più a misura di cittadino». —

Da Il Piccolo 6/11/2021

admin

Lascia un commento