Passeggiate in riva al lago in arrivo due nuovi percorsi

Passeggiate in riva al lago in arrivo due nuovi percorsi

Turismo Endine, progetto definitivo per il tratto verso la sponda orientale A Monasterolo un itinerario senza barriere architettoniche tra Pom e Legner.


Ormai, più che un’idea, è un’opera in procinto di trasformarsi in solida realtà. Il progetto definitivo c’è i finanziamenti, salvo imprevisti, anche: manca soltanto l’ultimo sprint amministrativo perché l’Autorità di bacino dei laghi d’Iseo, Endine e Moro proceda con il bando della gara d’appalto per il nuovo percorso pedonale di Endine Gaiano. L’itinerario attraversa in una zona dominata da vegetazione palustre, non lontano delle coste, sulla punta estrema del lago d’Endine, appena al di sotto dell’abitato omonimo. «Abbiamo già mandato tutta la documentazione all’Autorità – spiega il sindaco endinese Marco Zoppetti -, adesso attendiamo che si concluda l’iter burocratico». Si prevede che in autunno i lavori vadano assegnati, circostanza che consentirà il loro avvio già nei mesi successivi. In sintesi, il progetto prevede che la nuova passeggiata si congiunga con la passerella in legno, risalente al 2003, che dal percorso lungo la statale 42 arriva all’osservatorio (un acquaterrario) per anfibi. Da qui la via porterà fino alla strada provinciale 76, sulla sponda orientale del lago. Un tratto del percorso presenterà ancora la forma di «passerella», in legno e leggermente sopraelevata. Mentre, dove il terreno lo consentirà, assumerà i connotati più tradizionali di un camminamento con fondo in ghiaia. Nel contempo verranno collocati nuovi ponticelli per il superamento dei fossati. Lavoro da fare ce ne sarà dunque parecchio, anche perché parte del camminamento già esistente – la passerella, oggi danneggiata – andrà incontro a una riqualificazione. L’intervento richiederà circa 310 mila euro, metà finanziati da Regione Lombardia attraverso l’Autorità di bacino e metà a carico delle casse comunali. Secondo i piani dell’amministrazione questa dovrebbe essere soltanto la prima parte di un’operazione più vasta che colmi la lacuna nel sistema dei percorsi pedonali, chiudendo così l’anello di passeggiate intorno al lago d’Endine. «Con il secondo lotto, da oltre 500 mila euro, vorremmo arrivare fino alla frazione di Pura – rivela il sindaco -, ma questo è un intervento che andrà portato avanti nei prossimi anni». Anche Monasterolo ha varato il progetto definitivo per una nuova passeggiata nel tratto di costa tra le località Pom e Legner. Le persone con disabilità potranno percorrere l’itinerario in autonomia, data la completa assenza di barriere architettoniche. «È un aspetto a cui teniamo molto – spiega il sindaco Gabriele Zappella -. In località Pom è prevista un’area di sosta per disabili dove si potrà scendere dalla macchina e imboccare direttamente il percorso, che da lì si estenderà per circa 600 metri in riva al lago. Il fondo della passeggiata, largo due metri, sarà in materiale naturale, simile a ghiaietto, molto dolce e percorribile a piedi e in carrozzina. Allo stesso tempo il fondo si presenterà rialzato di circa mezzo metro rispetto alla linea di costa per evitare interruzioni dovute alle piene». Quello deliberato in Giunta ambisce ad essere il primo tratto di un disegno più ampio: «L’intenzione è creare un secondo percorso pedonale di circa 600 metri in direzione di San Felice – prosegue Zappella -. Naturalmente bisognerà reperire le risorse». Il presente, intanto, si incammina su un iter definito. Il Comune ha licenziato il progetto del nuovo camminamento all’Autorità di bacino. Dopo un esame da parte della Regione, l’Autorità potrà organizzare la gara entro il 15 dicembre. Il cantiere, secondo previsioni di massima, dovrebbe aprire poco dopo e chiudersi nella prossima primavera. L’opera costerà 165.210 euro. Il Comune ha messo a disposizione 82.605 euro dal proprio bilancio. Gli verrà incontro Regione Lombardia.

Da L’Eco di Bergamo del 27.06.2020

admin

Lascia un commento