Parco del Tasso: finiti i lavori per l’abbattimento delle barriere architettoniche

Parco del Tasso: finiti i lavori per l’abbattimento delle barriere architettoniche

Sono terminati i lavori al parco del Tasso di Pistoia per rendere l’area verde accessibile e sicura anche ai bambini diversamente abili. Il progetto di abbattimento delle barriere architettoniche ha previsto, con un investimento di 60mila euro, il rifacimento della pavimentazione dell’area giochi per renderla fruibile a tutti. Piccoli ritocchi verranno completati nel periodo autunnale. Iniziati a metà giugno, gli interventi hanno previsto la sostituzione della pavimentazione, creando un sottofondo drenante che è stato ricoperto da una nuova pavimentazione in gomma colata antitrauma. Inoltre è stato sostituito il cordolo in legno che delimitava l’area gioco.

La progettazione della nuova area è stata guidata dalla volontà dell’Amministrazione di rendere maggiormente fruibile l’area giochi che, a causa della sua conformazione – soprattutto in periodo invernale-, era soggetta ad allagamenti. Un’altra problematica risolta dal progetto dall’ufficio del verde pubblico è quella delle barriere architettoniche, che sono state abbattute per rendere l’area utilizzabile anche dai bambini diversamente abili. Come sottolinea l’assessore ai lavori pubblici del Comune di Pistoia, Alessio Bartolomei, l’intervento si è reso necessario in quanto l’area giochi non era utilizzabile dai bambini diversamente abili a causa del gradino che si era creato tra la pavimentazione dei percorsi laterali, il piano di campagna e la corteccia calpestabile. La vecchia pavimentazione antitrauma, realizzata in corteccia di pino, si è rilevata non duratura e poco efficace, mentre il nuovo progetto in resina colata assicura una maggior resa, ha un impatto visivo migliore e garantisce l’accessibilità ai giochi a tutti. Adesso è in fase di appalto un nuovo impianto di illuminazione per il percorso principale e l’area giochi al fine di migliorare la sicurezza e la fruibilità dell’area la sera e nei pomeriggi invernali.

Da La Nazione 28 luglio 2020

admin

Lascia un commento