Museo Villa Pisani a Stra (VE)

Museo Villa Pisani a Stra (VE)

Girando per le strade che costeggiano il Brenta si scorgono palazzi e Ville magnifiche; una di queste si trova a Stra in provincia di Venezia. Qui vogliamo tracciarne una piccola storia.

Villa Pisani Museo Nazionale, la “Regina delle ville venete”, è una delle principali mete turistiche del Veneto. Situata lungo l’incantevole Rivera del Brenta, a 10 minuti da Padova e 20 da Venezia, la maestosa villa dei nobili Pisani ha ospitato nelle sue 114 stanze dogi, re e imperatori, ed oggi è un museo nazionale che conserva arredi e opere d’arte del Settecento e dell’Ottocento, tra cui il capolavoro di Gianbattista Tiepolo “Gloria della famiglia Pisani”, affrescato sul soffitto della maestosa Sala da Ballo. “Passo non si faceva senza trovar nuovo spettacolo e nuova meraviglia”, diceva del parco di Villa Pisani un entusiasta visitatore ottocentesco. E ieri come oggi il parco incanta per le scenografiche viste, le originali architetture, dalla Coffee House all’Esedra, il famoso labirinto di siepi, tra i più importanti d’Europa, la preziosa raccolta di agrumi nell’Orangerie e di piante e fiori nelle Serre Tropicali, “tutto quello che può ricreare la vista e soddisfare il gusto”, come vantava Almorò Pisani.

Villa Pisani ospita grandi mostre di arte antica, moderna e contemporanea, che richiamano ogni anno oltre centocinquantamila visitatori.

La caffetteria di Villa Pisani è accessibile ai visitatori durante l’orario di apertura del Museo e ai clienti esterni la sera, offre la possibilità di consumare aperitivi e colazioni in un suggestivo scenario settecentesco. In un prossimo futuro anche agli esterni sarà possibile l’accesso serale e si potranno riservare gli spazi per cene di gala, rinfreschi ed eventi.

Il Codice dei Beni Culturali (D. Lgs 42/2004), all’art. 101, c. 2, lett. f), individua tra gli Istituti e i luoghi di cultura i “complessi monumentali” formati da una “pluralità di fabbricati anche di epoche diverse, che col tempo hanno acquisito, come insieme, un’autonoma rilevanza artistica, storica o etnoantropologica”. Il complesso monumentale Villa Pisani Museo Nazionale, di proprietà demaniale, appartiene a tale categoria di beni ed è in consegna alla Direzione regionale Musei Veneto che ne cura la gestione con il finanziamento del Ministero della Cultura. Per realizzare ogni utile forma di valorizzazione e promozione dell’immagine del complesso monumentale, in attuazione dei principi normativi istituiti dal Codice, la Soprintendenza a partire dal 2007 ha affidato alcuni servizi aggiuntivi in concessione a un’associazione temporanea di imprese costituita da Munus (Capogruppo), Mosaico, Medoacus Maior, Giovannella Company e CNCP, società specializzate nei servizi di assistenza culturale e di ospitalità per il pubblico; ciò ha consentito di definire un programma pluriennale per l’organizzazione di eventi culturali, la cui divulgazione avviene attraverso il sito istituzionale.

Il Museo Nazionale Villa Pisani ha aderito alla Carta dei Servizi delle Ville Venete, consultabile nel sito www.regione.veneto.it.

La Storia: Re, Dogi e Imperatori

I Pisani di Santo Stefano, cui si deve la costruzione della villa, costituivano un importante ramo del casato Pisani, antica famiglia patrizia veneziana. Arricchitisi enormemente nel corso del Trecento grazie ai traffici commerciali e alle rendite immobiliari, nel Quattrocento divennero proprietari di un ampio feudo nella bassa padovana e nello stesso giro d’anni intrapresero anche la costruzione del grande palazzo veneziano di Campo Santo Stefano (l’attuale conservatorio “Benedetto Marcello”), che giunse a termine solo nel Settecento. E fu proprio quest’ultimo il secolo d’oro della famiglia, che arrivò a ricoprire le più alte cariche della Repubblica di Venezia. Alvise Pisani (1664 – 1741) fu ambasciatore alla corte del Re Sole, il quale fu padrino di uno dei suoi figli, e venne poi eletto doge nel 1735. Ma la decadenza era già alle porte: il crollo della Repubblica (1797) prima, il vizio del gioco poi spinsero i Pisani a indebitarsi rovinosamente. Fu per questo che si trovarono costretti a vendere la villa a Napoleone Bonaparte che era diventato re d’Italia nel 1805, l’11 gennaio 1807, per 1.901.000 di lire venete.

La villa venne donata dall’imperatore Bonaparte al figliastro Eugenio di Beauharnais, vicerè d’Italia. Eugenio, raffinato mecenate, commissionò una serie di lavori di ammodernamento che cambiarono l’aspetto di molte sale della residenza e del parco.

Nel 1814 le sorti dell’Europa, decise a Waterloo, portarono a villa Pisani la famiglia imperiale asburgica, ora divenuta signora del regno Lombardo-Veneto. La dimora divenne così luogo di villeggiatura prediletto dall’imperatrice d’Austria Marianna Carolina e ospitò l’intero gotha dell’aristocrazia europea, dal re di Spagna Carlo IV (1815) allo zar di Russia Alessandro I (1822), dal re di Napoli Ferdinando II (1837) al re di Grecia Ottone (1837) e molti altri. La brillante atmosfera di vita di corte ebbe termine nel 1866, quando il Veneto venne annesso al regno d’Italia. La villa non entrò a far parte dei beni della corona di casa Savoia ma divenne invece proprietà di stato, perdendo così la sua funzione di rappresentanza.

Non più abitata, divenne museo nel 1884 e fu meta di visita di personaggi quali Wagner, D’Annunzio (che vi ambientò una scena fondamentale del suo romanzo Il Fuoco), Mussolini e Hitler (il cui primo incontro ufficiale avvenne qui, nel 1934), Pasolini (che girò nelle sale della villa e nel parco un episodio del suo film Porcile).

La Villa

La visita alla villa si svolge all’interno delle trenta sale del piano nobile, in cui, caso rarissimo per una dimora storica, si conservano affreschi, dipinti e arredi originali.

La vita in villa, luogo per eccellenza di “gioco grosso, tavola aperta, balli e spettacoli” (Goldoni) è rappresentata nella decorazione di un cospicuo gruppo di sale settecentesche: la sala del trionfo di Bacco, celebrazione del dio del vino e della musica; la sala della villeggiatura, che dà una gustosa interpretazione dei rapporti tra dame e cavalieri nel secolo di Casanova; la sala delle arti e molte altre ancora.

Grande sfarzo è raggiunto nella sala da ballo, posta al centro dell’edificio. Giambattista Tiepolo, massimo esponente della pittura settecentesca in Italia, vi affrescò, sul soffitto, la Gloria della famiglia Pisani, luminosa composizione allegorica in cui le figure, adagiate morbidamente su nuvole rosate, sembrano librarsi sullo sfondo di un infinito cielo sereno.

Un capolavoro salvo per miracolo, dal momento che ai primi dell’Ottocento stava per essere eliminato, nell’ambito del grandioso progetto di ammodernamento dell’edificio voluto dal vicerè d’Italia Eugenio di Beauharnais, proprietario del complesso tra il 1807 e il 1814. In quel periodo furono realizzate alcune sale in stile Impero alle estremità della facciata sul fronte Brenta. Di particolare interesse è l’appartamento napoleonico, ricco di tesori: il grandioso letto a baldacchino sormontato dall’iniziale dell’imperatore, gli splendidi cassettoni opera dell’intarsiatore lombardo Giuseppe Maggiolini, prediletto dalle corti europee, i monocromi di Giovanni Carlo Bevilacqua che narrano il mito di Eros e Psiche ed i preziosi mobili in stile Impero realizzati appositamente per villa Pisani. All’interno della Sala da Pranzo la tavola è apparecchiata con un servizio di piatti usato dalla corte napoleonica. Al centro è collocato un prezioso centrotavola in alabastro in stile neoclassico. Sulle piattaie rococò alle pareti sono esposti vetri e ceramiche del Settecento.

Il Parco

Il parco di Villa Pisani è vincitore del Premio il Parco più bello d’Italia 2008.

Il parco occupa un’intera ansa del naviglio del Brenta, per un’estensione di ben 11 ettari e un perimetro esterno di circa 1.500 metri. Venne realizzato, prima della villa, su progetto dell’architetto padovano Girolamo Frigimelica de’ Roberti, autore del famoso labirinto oltre che di alcuni degli originali padiglioni come l’esedra con due gallerie di glicine ai lati, la torretta al centro del labirinto e le scuderie sullo sfondo del grande parterre centrale.

Nel Settecento la spettacolare vista era arricchita da broderies con grandi statue colossali ai lati. L’organizzazione del parco per lunghe prospettive richiama i modelli francesi applicati da Andrè Le Nôtre a Versailles e si incrocia con la tradizione veneta del giardino cintato, aperto mediante portali e finestre che prolungano le viste sul Brenta.

L’elegante Coffee House settecentesca, circondata da un anello d’acqua, sorge sopra una collinetta artificiale, utilizzata per il deposito del ghiaccio durante la stagione calda.

In epoca napoleonica fu aggiunto il boschetto inglese a ovest e gli orti ornamentali furono trasformati in orangerie.

L’Ottocento austriaco si caratterizzerà, invece, per la grande attenzione dedicata alla botanica in vaso e in terra, con le serre tropicali e l’inserimento di grandi esemplari arborei, prima che il revival del ‘900 introducesse lunghe siepi di bosso e la grande vasca d’acqua del parterre. Al 1839 risale la costruzione di una seconda ghiacciaia, posta ad ovest delle scuderie tra gli alberi del boschetto. Una montagnola artificiale fu realizzata nella parte orientale nel 1853, a seguito del fallito attentato contro l’imperatore Francesco Giuseppe da parte di un indipendentista ungherese, come ricorda l’iscrizione incisa sull’obelisco commemorativo.

Il parco è stato interamente restaurato e oggi insieme al disegno generale esibisce durante l’anno una ricca collezione botanica.

All’interno del parco sono ammessi cani muniti di guinzaglio (lunghezza massima m, 1,50) e museruola. Il proprietario dovrà avere quanto necessario per raccoglierne le feci.
Gli animali non possono entrare nel labirinto.

Il LABIRINTO resterà CHIUSO al pubblico per tutta la durata dell’emergenza epidemiologica.

NOTA il Museo Villa Pisani è accessibile a persone con disabilità e per salire al piano superiore della Villa è presente un ascensore. Unica difficoltà è la presenza della pavimentazione in ghiaia lungo il parco.

Info e contatti

ORARI APERTURA VILLA PISANI

In ottemperanza alle disposizioni di contenimento dell’emergenza COVID 19 in vigore su tutto il territorio nazionale, in zona bianca o gialla (DL 18 /05/2021) il Museo nazionale di Villa Pisani apre al pubblico VILLA e PARCO in sicurezza con le seguenti modalità:

AVVISO: MERCOLEDI’ 8 SETTEMBRE, festa del santo patrono di Stra, il Museo resterà aperto tutto il giorno, dalle 8.30 alle 14.00 e dalle 15.00 alle 19.00

MARTEDÌ e GIOVEDÌ al pomeriggio dalle 14,30 alle 20,00
MERCOLEDÌ e VENERDÌ al mattino dalle 8,30 alle 14,00
Per il mese di SETTEMBRE apertura straordinaria TUTTI I VENERDÌ dalle 15.00 alle 19.00
SABATO e DOMENICA al mattino dalle 8,45 alle 14,00 e al pomeriggio dalle 14,45 alle 20,00
LUNEDI‘ Chiuso

Attenzione: ultimo accesso alla biglietteria un’ora prima della chiusura.

Ingresso contingentato a max 400 persone in Villa e max 1.500 persone in parco per turno di apertura.

È obbligatorio indossare la mascherina.

L’accesso è preceduto dalla rilevazione della temperatura corporea effettuata su tutti i visitatori tramite telecamera termo-scanner.

Il labirinto resterà chiuso al pubblico per tutta la durata dell’emergenza epidemiologica non potendo garantire la distanza di sicurezza nei punti di accesso/uscita e di arrivo al belvedere.

Per le visite guidate di gruppi obbligo di prenotazione. Numero massimo di persone in visita guidata alle sale del piano nobile 15 + guida.

Per maggiori dettagli consultare il protocollo per le visite guidate al piano nobile.

Info e prenotazioni:

tel +39 041 2719019;

CONTATTI

Informazioni
Villa Pisani Museo Nazionale
Via Doge Pisani 7 – 30039 Stra (Ve)
Telefono: +39.049.502074
Biglietteria – telefono: +39.049.502270

Servizi Educativi
E-mail: drm-ven.educazione@beniculturali.it

Ingresso disabili
Telefono:+39.049.502074

Concessioni d’uso di spazi, servizi fotografici previo pagamento del canone dovuto a norma di legge ecc.
Telefono: +39.049.502074drm-ven.villapisani@beniculturali.it

Biglietteria e Bookshop:
Telefono: +39.049.502270
E-mail: villapisani@munus.com

Direzione regionale Musei Veneto
Direttore della Direzione regionale Musei Veneto: Dott. Daniele Ferrara
Piazza San Marco, 63 – 30124 Venezia
Telefono: +39.041.2967611
E-mail: drm-ven.villapisani@beniculturali.it
E-mail certificata: mibac-drm-ven@beniculturali.it

Concessionario dei servizi aggiuntivi
Capogruppo Associazione Temporanea di Imprese
Munus S.r.l.
Via Pian di Sco 62B
00139 – Roma
Telefono: +39.06.88522480 – Fax +39.06.8802729
segreteria@munus.com

DOVE SIAMO

Museo Nazionale di Villa Pisani
Via Doge Pisani 7 – 30039 Stra (Ve)

da Padova:
SP n° 11 direzione Venezia
(subito dopo il centro di Stra);

da Venezia:
SP n° 11 direzione Padova (subito dopo il centro di Fiesso d’Artico);(subito dopo il centro di Fiesso d’Artico);

dall’Autostrada A4:
uscita Padova Est, direzione Ponte di Brenta.
Uscita Dolo – Mirano, direzione Padova – Riviera del Brenta

La Villa è raggiungibile anche con le corriere SITA (da Padova, linea per Stra con fermata al capolinea) e con gli autobus ACTV (da Padova o Venezia, n° 53, fermata di Stra). Dal centro di Stra si raggiunge la Villa a piedi in 5 minuti circa.

Dal mese di aprile 2015 sarà in vendita il nuovo Pass ACTV che offre agli operatori e ai visitatori della Riviera del Brenta un biglietto integrato della durata di 24h che consente di raggiungere Venezia con la linea di autobus n.53 e di usufruire della rete di navigazione il tutto comodamente con un unico titolo di viaggio (biglietto elettronico) precaricato.

Info: www.actv.it

Testi tratti dal sito ufficiale del Museo Nazionale Villa Pisani

Foto di Antonio Capoduro

admin

Lascia un commento