Mostra inaccessibile ai disabili, l’Arengario rischia le carte bollate

Mostra inaccessibile ai disabili, l’Arengario rischia le carte bollate

MONZA. Spostare entro fine mese la mostra “Leggere” con le foto di Steve McCurry in uno spazio accessibile a tutti oppure il caso dell’Arengario precluso alle persone con disabilità finisce in tribunale con una causa per discriminazione contro il Comune.

È la richiesta presentata con una diffida all’Amministrazione comunale dal Centro antidiscriminazione Franco Bomprezzi assieme a Ledha, Lega per i diritti delle persone con disabilità, una lettera inviata in municipio il 18 febbraio che dà 10 giorni di tempo per far terminare la situazione ritenuta lesiva del diritto delle persone con disabilità motoria di poter fruire dell’offerta culturale della città non avendo la possibilità di accedere in modo autonomo al salone trecentesco dell’Arengario dove dal 17 gennaio al 13 aprile è allestita l’esposizione con gli scatti del celebre fotografo americano Steve McCurry. Diversamente «Ledha insieme a Ledha Monza Brianza – si legge nella lettera – e a tutte le associazioni del territorio si riserveranno di agire in giudizio ai sensi della Legge 67/2006, che vieta ogni forma di discriminazione nei confronti delle persone con disabilità». Il problema delle barriere architettoniche dello storico palazzo municipale è una questione irrisolta e aperta da decenni per il Comune, ma è tornata alla ribalta alla fine del 2019 con la polemica innescata dalla consigliera comunale Francesca Pontani di Italia Viva.

di Martino Agostoni da Il Giorno del 24.02.2020

admin

Lascia un commento