L’ex centro sociale di Fontanelle, il Comune di Agrigento è a caccia di fondi

L’ex centro sociale di Fontanelle, il Comune di Agrigento è a caccia di fondi

Il progetto, a livello amministrativo, è stato approvato dall’esecutivo Micciché. Servono 195 mila euro per rifunzionalizzare – con manutenzione straordinaria – l’ex centro sociale di Fontanelle, adibendolo a centro polivalente culturale e ricreativo. Ora, avviando la «caccia« dei fondi necessari, palazzo dei Giganti parteciperà all’avviso pubblico regionale per la «Realizzazione di investimenti da parte degli enti locali dell’asse 10 del programma di azione e coesione della Sicilia».

L’ex centro sociale, di fatto mai diventato operativo, è – da anni – il simbolo dell’abbandono. «L’obiettivo della manutenzione straordinaria tende al recupero del complesso architettonico dove si trovano gli uffici della circoscrizione.

L’intervento mira a realizzare al piano terra quelle opere necessarie affinché – è stato scritto nella relazione tecnica del Comune – si possa rendere funzionale il centro polivalente culturale e ricreativo con attività commerciali, centri di aggregazioni e luoghi di relax». Ma di fatto cosa serve ad una struttura che, nel corso degli anni, è stata sempre più spesso preda dei vandali? A spiegarlo è proprio il Comune: «Sarà fatta lamanutenzione delle strutture vetrate, costituite da profili in alluminio e parti in vetro di tipo antisfondamento fisso e mobile. Tutte le pavimentazioni degli interni saranno realizzati con gres, mentre i rivestimenti dei servizi igienici saranno effettuati con piastrelle. Gli impianti elettrici – è stato spiegato nel dettaglio – dovranno essere realizzati a regola d’arte, dovrà essere utilizzato materiale elettrico costruito a regola d’arte. L’impianto elettrico interno sarà autonomo. Dovranno essere demolite tutte le barriere architettoniche».

Fontanelle si trova a circa 6 chilometri dal centro. È una periferia moderna che, salvo qualche aspetto caratteristico della cultura locale, potrebbe rispecchiare in altri quartieri satelliti della penisola, cresciuti in fretta nel giro di un decennio: alta densità abitativa, pochi servizi sociali. «È in tale contesto che si deve intervenire per valorizzare le potenzialità esistenti, facendo riattivare processi sociali» – hanno evidenziato dal Comune di Agrigento.

A metà dello scorso novembre, al Municipio è arrivata la richiesta da parte del dipartimento regionale della Famiglia e delle Politiche sociali dell’assessorato alla Famiglia di provvedere a completare la documentazione relativa al progetto. E questo, appunto, per provvedere all’ist ruttoria. È stato dunque nominato il rup, il gruppo di progettazione, il tecnico verificatore e gli assistenti del rup per redigere il progetto esecutivo che ha l’i mporto di 195.000 euro. Piano dei lavori che, negli ultimi giorni, ha avuto il via libera, a livello amministrativo, dalla giunta municipale, con in testa il sindaco Franco Micciché e il suo vice Aurelio Trupia, e che punta, adesso, all’utilizzo di fondi Pac. Quei quasi 200 mila euro consentirebbero di ridare a Fontanelle un immobile – di fatto mai avuto – da adibire a centro polivalente culturale e ricreativo.

Da Giornale di Sicilia 1/1/2021

admin

Lascia un commento