Le regole del Peba diventano realtà. Primo intervento a misura di disabile

Le regole del Peba diventano realtà. Primo intervento a misura di disabile

PADOVA. Si comincia. Il Peba entra in azione. Dopo il via libera di settembre della giunta comunale, il Piano per l’eliminazione delle barriere architettoniche è diventato realtà, tanto che da ieri sono in corso i primi lavori nei quartieri. Il “cantiere zero” da cui si è partiti è già operativo all’incrocio tra via Tre Garofani e via Filippesi, alla Madonna Pellegrina, dove gli operai sono a lavoro per realizzare le rampe per disabili a tutti gli angoli delle strade. Ma questo è solo l’inizio, perché dopo l’approvazione il Peba è diventato vangelo per qualsiasi altro cantiere della città. In fase di progettazione infatti ora bisognerà tener conto anche delle linee dettate dal piano.

Mappatura.
Stesso discorso anche per i lavori di manutenzione: laddove dovessero riguardare strade, piazze o marciapiedi, dovranno essere riqualificati rispettando i parametri del Peba. In realtà il piano era stato inserito nell’ordinamento nel 1986, ma mai nessuna giunta da allora aveva deciso di utilizzarlo, contribuendo quindi ad “assemblare” una città poco praticabile per i disabili. «Questo piano è fondamentale perché diventerà un punto di riferimento per noi e condizionerà ogni nuovo lavoro pubblico», evidenzia l’assessore Andrea Micalizzi, che ha collaborato a stretto contatto con Paolo Sacerdoti, consigliere comunale della lista Lorenzoni sindaco. Grazie ai 30mila euro arrivati dalla Regione (il Comune ha contribuito con altri 30mila euro) in estate è partita la mappatura della città, per capire dove e come intervenire per favorire l’accessibilità di chi è costretto a vivere sulla sedia a rotelle e per i non vedenti. E proprio per questi ultimi verranno installati sulle rampe dei pannelli speciali, che al contatto con i piedi segnaleranno la presenza. All’interno ci saranno anche dei microchip, in grado di avvisarli attraverso una speciale app che a breve sarà scaricabile sugli smartphone.

Accessibilità.
L’obiettivo principale del Peba è quello di garantire l’accessibilità agli edifici pubblici, gli spazi urbani costruiti o naturali e per l’utilizzo dei trasporti e dei parcheggi da parte di tutti, eliminando marciapiedi senza rampe d’accesso, o con ostacoli che bloccano il passaggio, come paletti, cestini e arredo urbano.

Marciapiedi.
Sono quindi stati selezionati gli edifici e gli spazi pubblici di competenza dell’ente, a partire dai musei, spesso senza accessi e servizi per disabili, attraverso un meccanismo di partecipazione che ha coinvolto le consulte di quartiere e le associazioni che si occupano del tema. Attraverso 11 missioni (tante quante sono le consulte) con assessori, tecnici comunali e residenti, è venuta fuori una mappa di interventi da realizzare nei prossimi 3 anni su 40 chilometri di marciapiedi (di cui più della metà con punti critici), oltre al fatto che tutti i piani urbanistici comunali dovranno poi essere adeguati alle previsioni del Peba entro sei mesi dalla sua approvazione, compreso quello urbano del traffico. «Si tratta di un servizio che non è rivolto solo alle persone in carrozzina, ma anche i non vedenti, i non udenti, gli anziani che si muovono con il deambulatore, le mamme e i papà che spingono il passeggino. In pochissimo tempo siamo riusciti ad approvare tutti e partire con i lavori» chiude Micalizzi.

di Luca Preziusi da Il Mattino di Padova del 28.02.2020

admin

Lascia un commento