Le misure per le persone con disabilità e familiari nella legge di conversione del DL 104/2020

Le misure per le persone con disabilità e familiari nella legge di conversione del DL 104/2020

Da segnalare le agevolazioni lavorative per genitori e per lavoratori fragili. Con la legge n.126 del 13 ottobre 2020 è stato convertito in legge il DL 14 agosto 2020, n.14. Qui ne segnaliamo alcune misure che possono interessare le persone con disabilità e/o i loro familiari, alcune delle quali sono già state oggetto di nostri articoli.

ARTICOLO 15 – Viene indicato l’aumento della pensione di invalidità, allineandosi alla sentenza della Corte Costituzionale n.152/2020 (di cui abbiamo diffusamente parlato, a seguito anche delle istruzioni fornite dall’INPS).

Così il testo:

Art.15 – Disposizioni in materia di trattamenti pensionistici in favore di soggetti disagiati

1. Con effetto dal 20 luglio 2020 all’articolo 38, comma 4, della legge 28 dicembre 2001, n. 448, e successive modificazioni, le parole «di eta’ pari o superiore a sessanta anni» sono sostituite dalle seguenti: «di età superiore a diciotto anni».

2. L’articolo 89-bis del decreto-legge 19 maggio 2020, n. 34, convertito, con modificazioni, dalla legge 17 luglio 2020, n. 77, è abrogato.

3. Agli oneri derivanti dal comma 1 valutati in 178 milioni di euro per l’anno 2020 e in 400 milioni di euro annui a decorrere dall’anno 2021 si provvede, quanto a 46 milioni di euro per l’anno 2020 mediante utilizzo delle risorse rivenienti dall’abrogazione della disposizione di cui al comma 2, e quanto a 132 milioni di euro per l’anno 2020 e a 400 milioni di euro annui a decorrere dall’anno 2021 si provvede ai sensi dell’articolo 114.

ARTICOLO 21 BIS – Riguarda la possibilità, per i genitori, di accedere al lavoro agile e al congedo straordinario durante il periodo di quarantena del figlio convivente per contatti scolastici. Questo fino al 31 dicembre 2020. Tale misura, presente anche nel decreto legge 111/2020, era già stata oggetto di un nostro articolo. Qui le istruzioni operative fornite dall’INPS con la circolare n. 116/2020).

Questo il testo:

Art. 21 – bis Lavoro agile e congedo straordinario per i genitori durante il periodo di quarantena obbligatoria del figlio convivente per contatti scolastici

1. Un genitore lavoratore dipendente può svolgere la prestazione di lavoro in modalità agile per tutto o parte del periodo corrispondente alla durata della quarantena del figlio convivente, minore di anni quattordici, dispo-sta dal dipartimento di prevenzione della azienda sani-taria locale (ASL) territorialmente competente a seguito di contatto verificatosi all’interno del plesso scolastico, nonché nell’ambito dello svolgimento di attività spor-tive di base, attività motoria in strutture quali palestre, piscine, centri sportivi, circoli sportivi, sia pubblici che privati.

2. È altresì possibile svolgere la prestazione di lavoro agile se il contatto si è verificato all’interno di strutture regolarmente frequentate per seguire lezioni musicali e linguistiche.

3. Nelle sole ipotesi in cui la prestazione lavorativa non possa essere svolta in modalità agile e comunque in alternativa alla misura di cui ai commi 1 e 2, uno dei ge-nitori, alternativamente all’altro, può astenersi dal lavo-ro per tutto o parte del periodo corrispondente alla dura-ta della quarantena del figlio, minore di anni quattordici, disposta dal dipartimento di prevenzione della ASL terri-torialmente competente a seguito di contatto verificatosi all’interno del plesso scolastico.

4. Per i periodi di congedo fruiti ai sensi del comma 3 è riconosciuta, in luogo della retribuzione e ai sensi del comma 7, un’indennità pari al 50 per cento della retribu-zione stessa, calcolata secondo quanto previsto dall’ar-ticolo 23 del testo unico delle disposizioni legislative in materia di tutela e sostegno della maternità e della pater-nità, di cui al decreto legislativo 26 marzo 2001, n. 151, ad eccezione del comma 2 del medesimo articolo 23. I suddetti periodi sono coperti da contribuzione figurativa.

5. Per i giorni in cui un genitore fruisce di una delle misure di cui ai commi 1, 2 o 3, o svolge anche ad altro titolo l’attività di lavoro in modalità agile o comunque non svolge alcuna attività lavorativa, l’altro genitore non può chiedere di fruire di alcuna delle predette misure, sal-vo che non sia genitore anche di altri figli minori di anni quattordici avuti da altri soggetti che non stiano fruendo di una delle misure di cui ai commi 1, 2 o 3.

6. Il beneficio di cui al presente articolo può essere riconosciuto, ai sensi del comma 7, per periodi in ogni caso compresi entro il 31 dicembre 2020.

7. Il beneficio di cui ai commi da 3 a 6 è riconosciu-to nel limite di spesa di 50 milioni di euro per l’anno 2020. L’INPS provvede al monitoraggio del limite di spesa di cui al presente comma. Qualora dal predetto monitoraggio emerga che è stato raggiunto anche in via prospettica il limite di spesa, l’INPS non prende in consi-derazione ulteriori domande.

8. Al fine di garantire la sostituzione del personale do-cente, educativo, amministrativo, tecnico ed ausiliario delle istituzioni scolastiche che usufruisce dei benefici di cui ai commi da 3 a 6, è autorizzata la spesa di 1,5 milioni di euro per l’anno 2020.

9. Agli oneri derivanti dai commi 7 e 8, pari a 51,5 milioni di euro per l’anno 2020, si provvede mediante corrispondente riduzione dell’autorizzazione di spesa di cui all’articolo 22 -ter , comma 1, primo periodo, del decreto-legge 17 marzo 2020, n. 18, convertito, con mo-dificazioni, dalla legge 24 aprile 2020, n. 27, e successive modificazioni.10. Le amministrazioni pubbliche provvedono alle at-tività di cui al presente articolo con le risorse umane, strumentali e finanziarie previste a legislazione vigente e senza nuovi o maggiori oneri per la finanza pubblica.

ARTICOLO 21 TER – L’articolo prevede la possibilità, per i genitori di figli con disabilità grave riconosciuta ai sensi della legge 104/92 (articolo 3 comma 3) di accedere al lavoro agile, anche in assenza degli accordi individuali, fino al 30 giugno 2021. Questo a condizione che nel nucleo familiare l’altro genitore non sia non lavoratore e a condizione che l’attività lavorativa non richieda la presenza fisica del soggetto. Inoltre restano fermi gli obbligli informativi previsti dagli articoli da 18 a 23 della L.22 maggio 2017, n.81.

Questo il testo:

Art. 21 – ter Lavoro agile per genitori con figli con disabilità

1. Fino al 30 giugno 2021, i genitori lavoratori dipen-denti privati che hanno almeno un figlio in condizioni di disabilità grave riconosciuta ai sensi della legge 5 feb-braio 1992, n. 104, a condizione che nel nucleo familiare non vi sia altro genitore non lavoratore e che l’attività lavorativa non richieda necessariamente la presenza fi-sica, hanno diritto a svolgere la prestazione di lavoro in modalità agile anche in assenza degli accordi individuali, fermo restando il rispetto degli obblighi informativi pre-visti dagli articoli da 18 a 23 della legge 22 maggio 2017, n. 81.

ARTICOLO 26 BIS – All’articolo 26, viene aggiunto l’articolo 26-bis. L’articolo si riferisce a una misura che era stata introdotta originariamente dal Decreto Cura Italia e poi prorogata solo fino al 31 luglio dal decreto Rilancio (ne avevamo parlato qui). Ricordiamo che l’articolo 26 prevedeva la possibilità, per i lavoratori dipendenti pubblici e privati in possesso di certificazione rilasciata dai competenti organi medico-legali, attestante una condizione di rischio derivante da immunodepressione o da esiti da patologie oncologiche o dallo svolgimento di relative terapie salvavita, e per i lavoratori in possesso del riconoscimento di disabilità con connotazione di gravità ai sensi dell’articolo 3, comma 3, della legge 5 febbraio 1992, n. 104, il periodo di assenza dal servizio è equiparato al ricovero ospedaliero. L’articolo 26 bis prevede la possibilità di accedere a questa misura fino al 15 ottobre. Dal 16 ottobre in poi, questi lavoratori hanno invece la possibilità, fino al 31 dicembre 2020, di svolgono di norma la prestazione lavorativa in modalità agile, anche attraverso l’adibizione a diversa mansione ricompresa nella medesima categoria o area di inquadramento.

Questo il testo:

1 –bis. All’articolo 26 del decreto-legge 17 marzo 2020, n. 18, convertito, con modificazioni, dalla legge 24 aprile 2020, n. 27, il comma 2 è sostituito dai seguenti: «2. Fino al 15 ottobre 2020 per i lavoratori dipendenti pubblici e privati in possesso di certificazione rilascia-ta dai competenti organi medico-legali, attestante una condizione di rischio derivante da immunodepressione o da esiti da patologie oncologiche o dallo svolgimento di relative terapie salvavita, ivi inclusi i lavoratori in pos-sesso del riconoscimento di disabilità con connotazione di gravità ai sensi dell’articolo 3, comma 3, della legge 5 febbraio 1992, n. 104, il periodo di assenza dal servi-zio è equiparato al ricovero ospedaliero ed è prescritto dalle competenti autorità sanitarie, nonché dal medico di assistenza primaria che ha in carico il paziente, sul-la base documentata del riconoscimento di disabilità o delle certificazioni dei competenti organi medico-legali di cui sopra, i cui riferimenti sono riportati, per le veri-fiche di competenza, nel medesimo certificato. Nessuna responsabilità, neppure contabile, salvo il fatto doloso, è imputabile al medico di assistenza primaria nell’ipotesi in cui il riconoscimento dello stato invalidante dipenda da fatto illecito di terzi. È fatto divieto di monetizzare le ferie non fruite a causa di assenze dal servizio di cui al presente comma.

2 -bis . A decorrere dal 16 ottobre e fino al 31 dicembre 2020, i lavoratori fragili di cui al comma 2 svolgono di norma la prestazione lavorativa in modalità agile, anche attraverso l’adibizione a diversa mansione ricompresa nella medesima categoria o area di inquadramento, come definite dai contratti collettivi vigenti, o lo svolgimento di specifiche attività di formazione professionale anche da remoto.

Disabili.com del 26/10/2020

admin

Lascia un commento