Le barriere architettoniche impediscono l’ingresso a disabili in due scuole su tre Lo denuncia la Uecoop, l’Unione Europea delle cooperative, prendendo a riferimento dati Istat.

Le barriere architettoniche impediscono l’ingresso a disabili in due scuole su tre Lo denuncia la Uecoop, l’Unione Europea delle cooperative, prendendo a riferimento dati Istat.

Un problema in più per il giorno della ripresa a pieno regime delle scuole italiane: due su tre non consentono l’accesso a disabili, e questo nonostante campagne di sensibilizzazione e contributo a fondo perduto. I ragazzi e ragazze che hanno problemi di deambulazione sono ben trecentomila, un numero molto alto: e di questi per il 68% dovrà chiedere aiuto per varcare il cancello scolastico.

E’ quanto emerge da una analisi dell’Unione europea delle cooperative (Uecoop) su dati Istat il riferimento al ritorno in classe di circa 8 milioni di ragazze e ragazzi con il Paese quasi tutto in zona gialla. La ripartenza delle lezioni in presenza – sottolinea Uecoop – è ancora più importante per i ragazzi disabili che in questi mesi a casa con la didattica a distanza (DAD) hanno faticato a seguire i programmi di apprendimento e inclusione. Per questa delicata fascia di popolazione scolastica – evidenzia Uecoop – il rientro fisico nelle classi non ha solo un valore didattico ma anche sociale e relazionale.
Il problema però – continua Uecoop – è che sono ancora troppe le barriere fisiche presenti nelle scuole italiane fra le quali solo 1/3 risulta a norma con un pesante divario lungo la penisola. Nel Nord dell’Italia le scuole a norma sono il 36%, valore sopra la media nazionale, mentre a Sud – evidenzia Uecoop – la situazione peggiora con appena il 27%. Fra gli ostacoli più diffusi c’è l’assenza di un ascensore o la presenza di uno non adatto al trasporto dei disabili (44%), ma si riscontra anche la mancanza di bagni a norma (26%) o di servoscala automatici (25%).
Le regole di distanziamento e le precauzioni per limitare il diffondersi del contagio hanno comportato – sottolinea Uecoop – un ripensamento globale della scuola fra turni di ingresso, rimodulazione degli spazi e delle lezioni che risulta più problematico per chi convive ogni giorno anche con qualche handicap fisico o psichico.
In questo scenario – precisa Uecoop – si inserisce il lavoro quotidiano delle oltre 9.700 cooperative sociali e di assistenza che operano sul territorio nazionale e che si occupano anche di seguire a scuola e a casa, dal punto di vista didattico e socio sanitario, migliaia di famiglie che hanno ragazzi con disabilità fisiche o psichiche. Il diritto all’istruzione oltre a essere costituzionalmente tutelato è anche il presupposto per la costruzione del futuro delle nuove generazioni – conclude Uecoop – e soprattutto in un momento delicato come quello attuale vanno impegnate tutte le energie perché nessuno venga lasciato indietro, a partire dalla scuola.

Da Corriere dell’Economia 2/2/2021

admin

Lascia un commento