L’ascensore per San Giusto in attesa del via libera da 3 mesi

L’ascensore per San Giusto in attesa del via libera da 3 mesi

L’ascensore per San Giusto può attendere ancora un po’. L’amministrazione comunale ha firmato la convenzione alcuni mesi fa, la Park San Giusto sta incassando da tre mesi le tariffe dei parcheggi a pagamento di via Cadorna, ma i quattro elevatori del parcheggio di via del Teatro Romano non possono essere utilizzati dai cittadini e dai turisti per salire e scendere dal colle dove stanno la cattedrale e il castello di San Giusto. «Manca ancora l’autorizzazione regionale. Un atto necessario visto che si tratta di un servizio di trasporto pubblico. Come se fosse un autobus che va da sotto in su», spiega “terra terra” l’assessore al Turismo Giorgio Rossi che resta ottimista. «Siamo in dirittura d’arrivo. La convenzione è già firmata.

Sarà una questione di due settimane, un mese al massimo per avere il via libera dalla Regione come servizio pubblico. Al massimo ci sarà da rispettare qualche prescrizione particolare dal punto di vista della segnaletica o delle barriere architettoniche. L’ascensore dovrà essere abilitato a servizio pubblico sia in salita che in discesa». Si aspetta quindi la promozione a servizio pubblico gratuito. A regime potrà essere utilizzato da un massimo di 5 mila persone al giorno. Per ora può essere usato solo dagli utenti del parcheggio a pagamento sotterraneo. Il Park San Giusto è dotato di quattro ascensori: due portano all’uscita per il centro città, in via del Teatro Romano, mentre gli altri due portano esclusivamente a San Giusto, nell’area della cattedrale e del castello. Attualmente per arrivare al livello stradale, bisogna però fare ancora una rampa di scale: in caso di necessità, per persone disabili su sedia a rotelle, è stato predisposto un montascale. Si tratta di barriere architettoniche da sanare una volta promosso l’ascensore a servizio pubblico. L’ascensore per San Giusto è entrato in funzione nell’ottobre 2015 con l’apertura al pubblico del Park San Giusto. E ora, forse, quasi cinque anni dopo, potrebbe diventare fruibile per tutti in modo gratuito. L’annuncio era arrivato nel settembre scorso: «Abbiamo trovato un accordo con i gestori del Park. Una bella notizia. Finalmente i triestini e i turisti potranno usare l’ascensore in salita ma anche in discesa senza dover per forza parcheggiare l’auto», aveva dichiarato l’assessore Rossi. La chiave di volta è stata quella di un baratto tra la società che gestisce il Park San Giusto e il Comune. Si è ipotizzato di coprire i maggiori oneri manutentivi dell’ascensore (quantificati in 60 mila euro annui) attraverso l’affidamento in gestione alla Park San Giusto dei 18 posti auto a pagamento presenti in via Cadorna, che erano di competenza di Esatto spa. Così è avvenuto. E la Park San Giusto da fine novembre ha iniziato a incassare, mentre l’ascensore è rimasto inaccessibile al pubblico.

di Fabio Dorigo da Il Piccolo di Trieste del 26.02.2020

admin

Lascia un commento