L’ascensore di cristallo made in Italy rende l’Acropoli accessibile ai disabili

L’ascensore di cristallo made in Italy rende l’Acropoli accessibile ai disabili

Un ascensore panoramico per migliorare l’accesso delle persone con disabilità all’Acropoli di Atene. In occasione della Giornata internazionale dedicata alle persone con disabilità, l’italiana Maspero Elevatori ha consegnato ufficialmente alla Fondazione Onassis e allo Stato greco, un modello inclinato realizzato su misura.

L’installazione, che permetterà il trasporto di sedie a rotelle, non solo risolve un problema pratico, ma ha anche un valore simbolico rendendo equo e per tutti l’accesso a un monumento che è parte integrante del patrimonio culturale del Paese e patrimonio dell’umanità dal 1987. Maspero Elevatori specializzata nella progettazione, realizzazione e manutenzione di impianti elevatori speciali si era aggiudicata l’appalto lo scorso febbraio, prima dello scoppio della pandemia.

Il progetto
«Nonostante le difficoltà operative dovute al lockdown – commenta Andrea Maspero, amministratore delegato di Maspero Elevatori – abbiamo mantenuto l’impegno e completato questo ambizioso progetto. Grazie all’elevatore a piattaforma ora è possibile anche il trasporto di sedie a rotelle, facilitando l’accesso e permettendo così a tutti di poter visitare il sito archeologico. L’entrata in funzione dell’impianto sarà programmata non appena lo stato di emergenza e la situazione pandemica lo permetteranno». Quello realizzato da Maspero Elevatori è un progetto completo che ha impegnato l’azienda di Appiano Gentile anche nella progettazione e realizzazione delle strutture di sostegno. Un lavoro condotto in stretta collaborazione con la Fondazione Onassis, il ministero della cultura e gli archeologi del Central Archaeological Council (Kas) per sviluppare la migliore soluzione da un punto di vista tecnico, della sicurezza e dell’estetica. 
Il risultato è un connubio tra tecnologia e design, con grande attenzione all’ambiente e alla valorizzazione di un monumento d’interesse storico e architettonico. L’ascensore, con un cambio di inclinazione che varia da 38° a 78°, collega in meno di un minuto Peripatos con Eretteo, sul lato nord dell’Acropoli. Ha una capienza di 1.250 chilogrammi e può portare fino a 16 persone (2 carrozzine con accompagnatori). L’impianto speciale è stato studiato per poter trasportare, in caso di emergenza, anche una barella dell’ambulanza con accompagnatore. La cabina realizzata in cristallo stratificato e completamente trasparente, inoltre, offre ai passeggeri un panorama unico.

di Diana Cavalcoli dal Corriere della Sera del 6/12/2020

admin

Lascia un commento