La battaglia di FIABA contro il lockdown infinito delle barriere architettoniche

La battaglia di FIABA contro il lockdown infinito delle barriere architettoniche

Negli ultimi giorni, con la seconda ondata del Covid-19, è tornato per tutti il timore di un’altro lockdown, ma ci sono tante persone per le quali questa forma di segregazione non è mai finita. Ancora oggi molta gente continua a non poter uscire dalle proprie abitazioni a causa di tutte le barriere architettoniche presenti nelle case, nei condomini e nelle strade. Per molte persone a ridotta mobilità non c’è stato alcun ritorno alla normalità. La loro “normalità”, infatti, coincide con la situazione vissuta un po’ da tutti durante l’emergenza: rimanere confinate in casa.

FIABA é un’organizzazione senza scopo di lucro che ha come obiettivo proprio quello di promuovere l’eliminazione di tutte le barriere fisiche, culturali, psicologiche e sensoriali per la diffusione della cultura delle pari opportunità a favore di un ambiente ad accessibilità e fruibilità totale. La missione di FIABA è quella di promuovere presso le istituzioni pubbliche e private e nell’opinione pubblica l’idea della Total Quality, la qualità totale che, se applicata all’intera società, permette di arrivare ad una vivibilità dell’ambiente ottimale per tutti. Proprio “dalla situazione d’emergenza della pandemia, che ha fatto capire alla totalità delle persone, ciascuna nella propria diversità, che il tema dell’abbattimento delle barriere architettoniche è di tutti noi, per cui rendere i condomini e le città accessibili è un bene comune cui non possiamo rinunciare” – come sottolineato dal Presidente di FIABA Onlus Giuseppe Trieste – è nata l’annuale campagna di sensibilizzazione “Per me il lockdown non è finito”. Un tema che anche Papa Francesco ha evidenziato nel suo messaggio, “auspicando che l’annuale evento contribuisca a promuovere una nuova cultura e una rinnovata sensibilità sociale, evidenziata quest’anno dal fenomeno del lockdown, che ha messo maggiormente in evidenza l’urgenza di un cambiamento strutturale anche fra le mura domestiche”.

L’evento è il FiabaDay, realizzato in collaborazione con la Presidenza del Consiglio dei Ministri, e vuole ogni anno ricordare quanto l’abbattimento delle barriere architettoniche sia una necessità imprescindibile per ogni persona.

Uno dei passaggi più significativi emerso dai numerosi dibattiti della XVIII edizione del FiabaDay, tenutasi lo scorso 4 ottobre, è stata la dichiarazione del Capo Dipartimento per gli Affari Regionali, Elisa Grande, secondo cui “Il Ministero degli Affari Regionali si adopererà per inserire nel superbonus edilizio anche l’abbattimento delle barriere architettoniche“.

Fino ad oggi, grazie al suo operato, FIABA Onlus è riuscita a coinvolgere ogni anno le istituzioni e un gran numero di organizzazioni per portare all’attenzione un programma di sensibilizzazione condiviso con l’obiettivo di ottenere l’abbattimento anche di una singola, minima, barriera.

di Gaetano Saguto da InVisibili Blog del 29/10/2020

Ecco il sito ufficiale della Associazione Fiaba.

admin

Lascia un commento