Il dramma delle persone con disabilità negli Stati Uniti

Il dramma delle persone con disabilità negli Stati Uniti

Secondo quanto riferisce la testata «Avvenire», è a dir poco drammatico ciò che sta accadendo alle persone con disabilità degli Stati Uniti. I primi dati parlano infatti di decessi causati dal coronavirus a un ritmo cinque volte superiore a quello del resto della popolazione ed è salito a venticinque il numero degli Stati che permettono agli ospedali di non fornire un respiratore ai malati cronici o a chi presenta minorazioni fisiche o mentali. «Una civiltà che pianifica chi sta sopra e chi sta sotto è terribile», era stato scritto pochi giorni fa su queste pagine. Purtroppo sta succedendo.


È ancor più inquietante di quanto si potesse temere ciò che sta accadendo alle persone con disabilità degli Stati Uniti, secondo quanto riferisce Elena Molinari sulla testata «Avvenire», in un articolo dal titolo a dir poco sinistro (Strage di disabili negli Stati Uniti).
Già nelle scorse settimane, per altro, la stessa Molinari, come avevamo segnalato anche sulle nostre pagine, aveva lanciato l’allarme sulla scelta di molti Stati USA, durante l’attuale emergenza sanitaria, di non curare persone con diverse disabilità per consentire la cura delle altre persone.
Ora la corrispondente di «Avvenire» rende noti i dati secondo cui le persone con disabilità negli States «stanno morendo di Covid-19 a un ritmo cinque volte superiore a quello del resto della popolazione. Ed è salito a venticinque il numero degli Stati che permettono agli ospedali di non fornire un respiratore ai malati cronici o a chi presenta minorazioni fisiche o mentali. Se infatti le Associazioni di persone con disabilità avevano già spinto l’Alabama a eliminare dalle sue linee guida la frase “le persone affette da ritardo mentale sono candidati improbabili per la ventilazione assistita”, nei giorni scorsi altri quindici Stati si sono aggiunti ai dieci che avevano invitato gli ospedali a razionare i respiratori, facendo passare “in fondo alla fila” chi necessita di “una maggiore quantità di risorse”, o ha ricevuto diagnosi specifiche, fra le quali quella di demenza».

«I primi dati sulla mortalità delle persone con disabilità durante la crisi da coronavirus – prosegue Molinari – mettono in evidenza quanto una categoria già vulnerabile sia esposta al nuovo virus, a causa delle condizioni di vita in strutture dove l’isolamento è difficile o del contatto frequente con personale sanitario o di supporto che introduce il virus nelle case degli assistiti. E sottolineano anche come condizioni di salute non ottimali rendano ardua la battaglia con la malattia».
A tal proposito si cita ad esempio il caso dei residenti di una struttura per persone con disabilità intellettiva di Long Island, nei pressi di New York, dove l’80% di loro sarebbe risultato positivo al coronavirus e una percentuale simile si sarebbe registrata in varie strutture del Massachusetts e del Michigan. In Louisiana, inoltre, è morta per il coronavirus la trentatreenne April Dunn, presidente del locale Developmental Disabilities Council, che aveva protestato contro le linee guida del proprio Stato sull’accesso ai respiratori per le persone affette da malattie croniche.

«Mentre dunque si trovano ad affrontare una probabilità quintuplicata di morire di Covid-19 – conclude l’articolo di “Avvenire” – le persone con disabilità americane continuano a lottare contro regole discriminatorie sull’accesso alle cure intensive, stilate dai Parlamenti o dalle Amministrazioni locali».

«Una civiltà che pianifica chi sta sopra e chi sta sotto è terribile», aveva scritto su queste colonne Antonio Giuseppe Malafarina. Purtroppo sta succedendo.

Da Superando.it del 16.04.2020

admin

Lascia un commento