Il Comune avvia la mappatura delle barriere architettoniche

Il Comune avvia la mappatura delle barriere architettoniche

UDINE. Palazzo D’Aronco e Università insieme per una città più accessibile a tutti. Il lavoro per il superamento delle barriere architettoniche partirà da una mappatura dei luoghi su cui intervenire così da definire una programmazione delle attività di abbattimento e richiedere contributi regionali. La giunta comunale ha infatti approvato un’istruttoria relativa al Piano di eliminazione delle barriere architettoniche (PEBA), strumento di cui si sta occupando l’assessore all’Urbanistica Giulia Manzan, attraverso il quale le amministrazioni si impegnano a garantire spazi accessibili e fruibili per le persone diversamente abili, in modo da consentirgli di raggiungere una reale autonomia di movimento in città: «Si tratta spiega Manzan , di uno strumento specifico di gestione urbanistica finalizzato a rendere gradualmente accessibili gli edifici e gli spazi pubblici di Udine».

Per concretizzare prima possibile il Piano, la giunta ha deciso di avvalersi della collaborazione dell’Ateneo friulano, che si svilupperà nell’arco del 2020. «Partiremo con una mappatura dei luoghi considerati strategici per programmare al meglio gli interventi di abbattimento delle barriere continua l’assessore . Nel contempo sarà svolta anche un’analisi delle buone pratiche già in atto in altri territori, in modo da avere un quadro preciso di quanto si sta facendo anche al di fuori di Udine e del territorio regionale. Un passaggio conoscitivo assicura , che sarà compiuto insieme alle associazioni che si occupano di disabili e al Criba Fvg, con l’obiettivo di diventare un riferimento virtuoso per il resto del territorio regionale».
Fatto questo approfondimento, il Comune definirà le priorità di intervento, che prevedono percorsi pedonali protetti, elementi di arredo urbano dedicati, fermate dei mezzi pubblici e molto altro. «È previsto un passaggio in Consiglio comunale conclude Manzan , per l’approvazione definitiva del PEBA, così da poter accedere ai finanziamenti previsti». (Al.Pi.)

Da Il Gazzettino del 19.03.2020

admin

Lascia un commento