“I negozi siano a misura di disabile”

“I negozi siano a misura di disabile”

Appello della Uildm: «Anche noi facciamo compere». Via le barriere architettoniche al Nimbus club.

PIETRASANTA. Sono passati più di tre anni e mezzo dalla “Skarrozzata”, iniziativa promossa dall’Unione lotta alla distrofia muscolare (Uildm) per sensibilizzare l’opinione pubblica sull’inaccessibilità di molte attività commerciali per chi si muove in carrozzina. Ma il problema, dovuto anche a fondi dotati di scalini o ingressi stretti, è ancora lungi dall’essere risolto. E così il presidente Gilberto Dati lancia un nuovo appello agli esercenti del centro storico, ricordando che l’abbattimento delle barriere architettoniche riguarda tutti i disabili, residenti e non. «Abbiamo accolto con entusiasmo l’intervento effettuato dal Comune in piazza Matteotti, nella zona della ciclopista – dice – perché le radici degli alberi costituivano un grosso problema. Idem gli interventi nelle scuole e al centro del l’Osterietta. Ma non basta». Il riferimento, come detto, e a molti negozi della città. «Anche noi andiamo a far compere – prosegue Dati – e così pure i turisti costretti a muoversi in carrozzina. Il fatto è che ci sono attività in cui è difficile entrare, specie dove sono presenti delle scale interne. Per le altre invece basterebbe posizionare delle pedane leggerissime e rimovibili, chiaramente dov’è possibile. Vorrebbe dire offrire un servizio a 360°, non solo ai disabili residenti ma anche ai turisti». La Uildm tra l’altro aveva avviato un progetto, poi slittato a settembre a causa dell’emergenza sanitaria, insieme alla Croce Verde e al ‘Don Lazzeri-Stagi’, proprio per abbattere le barriere architettoniche: mappare le abitazioni dei disabili, fondamentale per soccorrerli in caso di gravi calamità. Di conseguenza è stato rimandato anche l’altro progetto per infondere nei giovani lo spirito del volontariato, mentre la casa-vacanze di Focette, non potendo quest’anno ospitare i gruppi di disabili, accoglierà il servizio di fisioterapia. Buone notizie, invece, per i giovani disabili che frequentano la colonia marina di Fiumetto gestita da tre anni dal ‘Nimbus surfing club’ sia per i servizi in spiaggia sia per praticare sport acquatici. Una delle due strutture, quella lato sud, con un investimento di 25mila euro sarà oggetto di lavori di adeguamento e di abbattimento delle barriere architettoniche. Redatto da Sandro Dal Pino e Ilaria Fancello, il progetto prevede la realizzazione di servizi igienici per disabili con tanto di rampa larga un metro e mezzo, corrimano, allargamento della porta di accesso, impianto elettrico e idro-sanitario e altro ancora. Inoltre verrà rifatta la pavimentazione esterna, in lastre di cemento, e installato un sistema di allarme con pulsantiera.

di Daniele Masseglia da La Nazione del 27.05.2020

admin

Lascia un commento