Ferri, appello ai sindaci “Pensate ai disabili”

Ferri, appello ai sindaci “Pensate ai disabili”

MASSA CARRARA. L’onorevole Cosimo Ferri interviene a favore dei cittadini disabili chiedendo l’attuazione dei Piani per l’eliminazione delle barriere architettoniche (PEBA): «Le previsioni della legge del dicembre 2019 (bilancio di previsione dello Stato) alla voce contributi agli investimenti degli enti locali prevede lo stanziamento, nel limite totale di 500 milioni di euro annui dal 2020 al 2024, a favore dei Comuni, per investimenti destinati ad opere pubbliche tra cui gli interventi per abbattimento di barriere architettoniche.

Una condizione necessaria per ottenere il contributo per l’abbattimento delle barriere architettoniche è l’adozione dei Comuni dei PEBA che, strumento di gestione urbanistica per pianificare gli interventi e rendere accessibili gli edifici e spazi pubblici. Questi piani si affermano quali strumenti urbanistici prioritari ed indispensabili di monitoraggio, pianificazione e superamento delle barriere architettoniche esistenti nei territori dei Comuni per garantire il diritto alla mobilità ed il diritto all’accessibilità degli spazi urbani. Principi enunciati anche dalla Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti delle persone con disabilità, in particolare il diritto alla vita indipendente ed all’inclusione sociale. Questi piani avrebbero dovuto essere adottati dal 1987 dalle amministrazioni centrali e locali in base alle rispettive competenze sull’edificio o sullo spazio pubblico da adeguare. Molti Comuni ad oggi sebbene le indicazioni legislativa e l’obbligo di adozione, sono sprovvisti, privando i territori di una programmazione organica ed efficiente finalizzata alla realizzazione di percorsi ed aree accessibili ai disabili. La disposizione della legge di bilancio e le somme stanziate per l’abbattimento delle barriere architettoniche riportano all’attualità la necessità e l’urgenza, per gli amministratori di redigere questi piani come impegno concreto nel rispetto dei diritti delle persone disabili e come requisito indispensabile per conseguire le risorse statali stanziate per il futuro. Confidando nell’unione di intenti su un tema senza colore politico, attuando un’azione di civiltà e buon senso, faccio appello ai sindaci della provincia di Massa Carrara che non avessero adottato i piani specifici ad un atto di responsabilità: avviare ogni attività per giungere all’adozione del piano di eliminazione delle barriere architettoniche per far crescere e rendere accessibile il territorio. La Consulta provinciale per la disabilità di Massa Carrara, attenta, costruttiva ed efficace, ha inviato una nota nella quale invita a dare risposte e a velocizzare l’iter di approvazione dei piani. Occorre stimolare i Comuni virtuosi a rendere più trasparente il percorso , a spiegare alla società civile , al mondo delle associazioni , la pianificazione, gli obiettivi, i tempi di esecuzione delle opere e la verifica di quanto realizzato, per rendere più partecipata ed efficace la azione amministrativa».

Da La Nazione del 27.02.2020

admin

Lascia un commento