Erice. L’assessore Samona’: “Stop ai lavori di inserimento delle piste tattili”

Erice. L’assessore Samona’: “Stop ai lavori di inserimento delle piste tattili”

Sui percorsi tattili per ipovedenti a Erice arriva anche l’intervento dell’assessore regionale dei Beni Culturali Alberto Samonà

I percorsi tattili per non vedenti, la cui posa in opera nel centro storico di Erice era stata avviata negli scorsi giorni, sono stati già rimossi e si sta provvedendo al ripristino del basolato originario. “Ho dato immediate disposizioni agli uffici – dichiara l’assessore dei Beni culturali e dell’Identità siciliana, Alberto Samonà – di verificare la fondatezza delle proteste che mi sono state consegnate da cittadini e consiglieri comunali di Erice e di intervenire a salvaguardia del prezioso gioiello medievale. Il Soprintendente di Trapani, intervenuto tempestivamente nel cantiere ha riscontrato la difformità delle opere rispetto al progetto autorizzato nel 2015 ed ha bloccato i lavori disponendo la rimozione del camminamento in pietra bianca e il ripristino del selciato che dovrà essere riportato alle condizioni originarie. Non è in discussione – dice l’assessore Samonà la necessità di effettuare interventi a tutela dei cittadini con deficit visivi, ma delle modalità e delle tecniche usate per realizzare l’opera. E’ indubbio che in contesti soggetti a tutela ogni intervento deve essere valutato soprattutto sotto il profilo dell’impatto architettonico”. Si conclude, così, in pochi giorni una vicenda che, se passata inosservata, avrebbe provocato una ferita insanabile alla preziosa cittadina medievale. Le opere, realizzate dall’amministrazione comunale di Erice, riguardano la posa in opera di percorsi tattili per non vedenti e ipovedenti, della larghezza di 40-50 centimetri, realizzati in pietra bianca – LOGES, acronimo che sta per Linea di Orientamento Guida e Sicurezza – che utilizzano superfici dotate di rilievi con un codice informativo facilmente rilevabile attraverso la pressione del piede. Il percorso in fase di realizzazione era stato creato anche come percorso di emergenza per il raggiungimento di luoghi di riunione in caso di calamità naturali.

***
ERICE, E ALLA FINE QUELLA PISTA PER IPOVEDEMTI FU RIMOSSA.
Ci sono volute le polemiche per far togliere la passerella per ipovedenti che faceva a pugni con quelle che sono le caratteristiche del Borgo Medievale di Erice. Stamane così la passerella collocata nella pavimentazione di piazza Carmine è stata rimossa e la buca riempita di terriccio.Un percorso quello destinato agli ipovedenti che rientra in una serie di lavori disposti dall’amministrazione comunale di Erice nell’ambito di una serie di interventi di riqualificazione che interessano Erice, per un finanziamento di oltre un milione di euro. Il progetto “Lavori di recupero e miglioramento urbano in Erice Capoluogo” è stato approvato a fine 2015, corredato di tutti i nullaosta necessari. Oltre al percorso per ipovedenti, esso prevedeva: La pavimentazione della via Apollonis (nella foto), originariamente in sterrato; La ristrutturazione della Cappella della Madonna SS di Custonaci; La messa in sicurezza di via dei Mestieri; Il recupero del Giardino delle Amarene; Il ripristino del collegamento tra le vie Pilazza e Conte Pepoli; Riqualificazione Porta Carmine. Singolare però era da subito apparso il fatto che per realizzare quel percorso erano state tolte le pietre del basolato, quel basolato che è anche una delle caratteristiche del Borgo Medievale. Bastava avere un tantino in pù di lungimiranza e si sarebbe potuto creare anche questo percorso per ipovedenti senza intaccare quella che è la caratteristica preminente del Borgo, il suo basolato. Un’opera, importante senza dubbio ma che faceva a pugni con il resto del Borgo. Si registra l’intervento della Soprintendenza ma anche dell’assessore alla Cultura regionale.

***
PERCORSO IPOVEDENTI: LE RAGIONI DEL SINDACO TOSCANO.
Domani mattina riunione tra ufficio tecnico e Soprintendenza. Il primo cittadino affida ad un comunicato le sue ragioni sulla rimozione del percorso per gli ipovedenti.
Ecco il testo…
«D’intesa con il responsabile comunale del settore Lavori Pubblici, l’ingegnere Orazio Amenta, nelle scorse ore l’amministrazione ha disposto la rimozione del percorso tattile per ipovedenti collocato nei giorni scorsi nell’area antistante Porta Carmine nel centro storico ericino. Come già comunicato nei giorni scorsi, la realizzazione del “percorso tattile per portatori di handicap” per la riqualificazione di Porta Carmine fa parte di un progetto più ampio di “Recupero e miglioramento urbano ad Erice Capoluogo” che venne a suo tempo autorizzato dalla Soprintendenza BB.CC. di Trapani con nota del 20.09.2015, prot. 7093. È stato da subito evidente che le modalità di realizzazione di questo specifico intervento, seppur previsto nell’ambito di un progetto complessivo di recupero e miglioramento del centro storico di Erice Capoluogo, presentavano evidenti criticità, da subito condivise dalla nostra amministrazione. Per tali ragioni, oltre ad avere disposto l’immediata rimozione del percorso collocato precedentemente, ho indetto per domani mattina alle 10 una riunione tra l’ufficio tecnico comunale e la Soprintendenza di Trapani finalizzata a verificare ogni possibile soluzione tecnica da adottarsi, in accordo con le associazioni degli ipovedenti, per la migliore esecuzione dell’opera. Colgo, infine, l’occasione per rassicurare tutti i cittadini ericini che l’amministrazione comunale sta mettendo in campo tutto l’impegno possibile affinché già nelle prossime ore al problema evidenziato si possa trovare la più idonea soluzione, assicurando innanzitutto il ripristino del vecchio basolato che rappresenta parte del nostro patrimonio artistico e culturale».
Daniela Toscano Pecorella,
Sindaca di Erice

Da  Trapani Oggi del 01.07.2020

admin

Lascia un commento