Disabilità – Romeo (Anglat) : Hyundai attenzione a quello spot: La vettura per le persone con disabilità è uno strumento fondamentale per la loro autonomia

Disabilità – Romeo (Anglat) : Hyundai attenzione a quello spot: La vettura per le persone con disabilità è uno strumento fondamentale per la loro autonomia

Roma, 6 febbraio 2020: “La disabilità non può essere strumentalizzata per promuovere una vettura che invece deve essere lo strumento per l’autonomia delle persone con disabilità”. Lo afferma Roberto Romeo, Presidente dell’ANGLAT, l’Associazione Nazionale di categoria che si occupa della tutela del diritto alla mobilità delle persone con disabilità, riconosciuta come soggetto attivo per il raggiungimento degli obiettivi della Convenzione delle Nazioni Unite per i diritti delle persone con disabilità.

L’ANGLAT, in riferimento alla pubblicità della Hyundai per il lancio della i10.Go Big, rivolge quindi un appello alle case automobilistiche affinché, anche nella realizzazione delle campagne di comunicazione per il lancio di nuovi modelli, sia salvaguardata la dignità delle persone con disabilità.

“Siamo certi – prosegue Romeo – che la Hyundai, vorrà riconsiderare la diffusione, o la modifica di uno spot che diffonde un messaggio errato e che, nello spostare impropriamente l’attenzione dal modello di vettura alla persona con disabilità, finisce per strumentalizzare quest’ultima, non fornendo alcun messaggio rivolto proprio alle persone con disabilità circa quelle che possono essere le soluzioni tecnologiche legate ad esempio alla guida assistita o alle caratteristiche di accessibilità del modello i10.Go Big, legate alle condizioni e alle necessità di autonomia proprio delle persone con disabilità motoria o, con riferimento alle famiglie, per il più agevole trasporto delle persone con disabilità gravi impossibilitate a guidare. L’ANGLAT – prosegue Romeo – è a disposizione tanto delle case automobilistiche, quanto delle agenzie pubblicitarie per fornire il proprio contributo, finalizzato ad una più corretta comunicazione, rispettosa delle sensibilità del mondo delle disabilità, ciò anche perché – conclude Romeo – la tutela dei diritti delle persone con disabilità possa entrare a pieno titolo tra i temi e le azioni di responsabilità sociale delle imprese e trovi adeguato rilievo nelle azioni da queste poste in essere”.

Da Adnkronos-7 ore fa

admin

Lascia un commento