“Disabili? La scuola non metta ostacoli assurdi”

“Disabili? La scuola non metta ostacoli assurdi”

La vice presidente del Consiglio comunale è intervenuta in aula in merito all’accesso riservato agli studenti disabili presso la scuola Dino Compagni

FIRENZE — La vicenda della rampa riservata agli studenti disabili è tornata in Consiglio comunale. La vice presidente, Maria Federica Giuliani, ha rivolto una domanda d’attualità all’assessora all’educazione Sara Funaro in merito alla rampa di accesso ed alle altre entrare previste per l’edificio scolastico Dino Compagni di Firenze.

“Quella scuola ha tre ingressi: uno dove si trova un elevatore, un secondo ingresso, al parcheggio, dove c’è un ascensore ed un terzo ingresso al piano senza alcuna barriera architettonica. E’ stata sollecitata la dirigenza scolastica affinché venga aperto l’ingresso al piano per permettere a tutti i bambini di poter accedere da questo ingresso. Come ha sottolineato l’assessora Funaro c’è stata una grande arrabbiatura quando è stato comunicato all’amministrazione che sarebbe stato aperto quell’ingresso senza barriere architettoniche solo per il bambino diversamente abile. Non possono esserci discriminazioni. Se l’ingresso viene aperto deve essere aperto per tutti i ragazzi. L’obiettivo è quindi aprire quell’ingresso per tutti. Aspettiamo risposte da parte della scuola. L’elevatore nell’altra entrata, deve essere fruibile non solo dal personale ma anche dal genitore che accompagna il figlio. Sono convinta che questa è una soluzione che può essere accettata da tutti. Chiediamo, in maniera forte e determinata, alla dirigenza della scuola di non mettere ostacoli assurdi alla fruizione dell’elevatore e l’apertura dell’ingresso senza barriere architettoniche per tutti gli studenti” ha concluso la vice presidente Giuliani.

L’assessore Funaro aveva già affidato ad una nota la risposta tecnica riguardo la possibilità di realizzare una rampa regolamentare presso l’ingresso principale della struttura, una soluzione ritenuta dai tecnici comunali impraticabile a causa degli spazi necessari per l’infrastruttura. L’attenzione si sarebbe così concentrata sugli altri due accessi presenti nel medesimo edificio.

Da Qui News Firenze-4 ore fa

admin

Lascia un commento