Da Ravanusa parte la proposta nazionale del tiro con arco medievale per i disabili

Da Ravanusa parte la proposta nazionale del tiro con arco medievale per i disabili

In occasione della riunione nazionale annuale dei Maestri d’Arco, tenutasi ad Ancona (Majolati Spontini), alla presenza del Presidente Nazionale Carlos Alberto Owen, del Consiglio Direttivo e della responsabile della Segreteria Nazionale Anna Maria Frezzi, il Maestro d’Arco Andrea Tricoli, nonché Direttore del Centro ACAMS di Ravanusa, da tempo impegnato nell’integrazione dei ragazzi disabili della propria comunità, prendendo la parola ha dichiarato – La disabilità non è un limite-, proponendo ai presenti di aprire in tutta Italia i battenti della Lega Arcieri Medievali anche alle persone con disabilità motoria e psicofisica non grave a tal punto da permettere l’esercizio del tiro con l’arco

Sarebbe un grande traguardo per tutti se ciò avvenisse ed ognuno si arricchirebbe della presenza dell’altro inoltre i ragazzi “speciali” farebbero un’attività che in passato si pensava impossibile da eseguire. E’ davvero un buon presupposto per iniziare l’anno 2020. La proposta è stata accolta da un lungo applauso dai presenti provenienti da tutta Italia e appartenenti a varie compagnie aderenti alla Lega Arcieri Medievali, tra cui a rappresentare la Sicilia per il Gruppo Storico dei Guerrieri Ravim il Maestro d’Arco Andrea Tricoli e il responsabile della sezione armi Maestro d’Arco Antonino Sutera Sardo nonché il Maestro d’Arco Antonino Pisa per gli Arcieri della Valle.

Da Canicatti Web Notizie-11 feb 2020

admin

Lascia un commento