Crema. Il disagio quotidiano delle barriere architettoniche, la politica prende coscienza

Crema. Il disagio quotidiano delle barriere architettoniche, la politica prende coscienza

Asfalto dissestato, marciapiedi, percorsi interrotti e passaggi in mezzo al traffico: non si tratta di un rally ma di una semplice passeggiata in città a bordo di una sedia a rotelle. Oggi pomeriggio una ventina di carrozzine e altrettanti accompagnatori hanno sfilato lungo le vie del centro storico per partecipare all’iniziativa organizzata da Crema Zero Barriere. Il gruppo di cittadini, composto da persone che vivono direttamente la disabilità, ha invitato assessori e consiglieri comunali ad un tour su rotelle pensato per mostrare il disagio quotidiano dovuto alla massiccia presenza di barriere architettoniche.

Due “vasche” in carrozzina

L’itinerario ha toccato le vie dello shopping ed il mercato coperto, non lontano da piazze, scuole, uffici e parcheggi di utilizzo pubblico. Partendo da piazza Duomo, i partecipanti hanno imboccato il vicolo Marazzi, per poi proseguire lungo via Lucini, via Benzoni ed immettersi in via XX Settembre per raggiungere porta Ombriano, quindi continuare lungo via Gramsci. Dopo una breve sosta in via Verdi, il gruppo ha ripreso in direzione di piazza Marconi, per poi risalire lungo via Cesare Battisti fino alla Cattedrale. Poco più di un chilometro – pari a due “vasche” in centro storico – che ha messo a dura prova chi non è abituato alle insidie celate a bordo strada, lungo i marciapiedi o a ridosso dei passaggi pedonali, punti critici invisibili agli occhi di chi non vive o convive con la disabilità.

Consapevoli per migliorare

“Dopo questa esperienza molti di noi potranno alzarsi dalla sedia e riprendere la propria giornata – ha commentato l’assessore ai servizi sociali e vicesindaco Michele Gennuso“. La passeggiata di oggi gli ha permesso di “capire cosa significa confrontarsi quotidianamente con i disagi causati dalle barriere architettoniche presenti in città, per sviluppare una nuova consapevolezza e più attenzione alle esigenze delle tante persone che vivono quotidianamente questa situazione”. Approccio condiviso dall’assessore ai lavori pubblici Fabio Bergamaschi, che riconferma l’impegno dell’amministrazione cremasca nel rivedere e migliorare le criticità emerse durante il test sul campo a fianco del gruppo Crema Senza Barriere. Nel Cremasco vivono circa 7 mila disabili riconosciuti, ma “il numero di persone che affronta questo tipo di problematiche è ben più alto” ha aggiunto Cristina Piacentini, promotrice dell’iniziativa e presidente provinciale dell’Associazione Nazionale Mutilati e Invalidi Civili: “Per comprendere è necessario un cambio di prospettiva per questo abbiamo proposto questa camminata, che sarà riproposta nel mese di marzo ai ragazzi delle scuole cremasche”. Oltre al deputato Franco Bordo e al presidente del consiglio comunale Gianluca Giossi, hanno preso parte all’iniziativa l’assessore Matteo Piloni ed i consiglieri Antonio Agazzi, Pietro Mombelli, Tiziano Filipponi, Andrea Agazzi, Matteo Gramignoli.

Da Cremaonline 21 luglio 2020

admin

Lascia un commento