Coronavirus: Presidente Fermi propone Commissione speciale per la fase 2

Coronavirus: Presidente Fermi propone Commissione speciale per la fase 2

Istituire in tempi brevissimi una apposita Commissione speciale o gruppo di lavoro ad hoc con la partecipazione dei rappresentanti dei vari gruppi consiliari, per fornire indicazioni e contributi e ipotizzare un piano di azione concreto, finalizzato ad affrontare e gestire al meglio la fase 2 dell’emergenza legata alla diffusione del Covid-19.

Lo ha proposto ieri il Presidente del Consiglio regionale della Lombardia Alessandro Fermi in occasione della riunione dei capigruppo e dei presidenti delle Commissioni consiliari tenutasi nell’Aula di Palazzo Pirelli, specificando di aver già avuto nel merito conferma della disponibilità di Polis Lombardia a fornire un supporto ai lavori per programmare la ripresa e la ripartenza delle attività quotidiane.

“Auspico che da parte di tutti prevalga in questo delicato momento di difficile tenuta e coesione sociale un grande e forte senso di responsabilità istituzionale – sottolinea Fermi -. Dobbiamo riuscire a elaborare insieme, maggioranza e minoranza, Giunta e Consiglio, strategie il più possibile condivise e all’interno delle quali ognuno deve essere messo nelle condizioni di poter dare un contributo costruttivo a facilitare il ritorno alla normalità”.

La riunione dei capigruppo ha confermato la seduta di Consiglio regionale già programmata per giovedì 16 aprile e dedicata a un primo dibattito sulle possibili strategie da mettere in campo per superare l’emergenza attuale: la seduta si terrà all’Auditorium Gaber di Palazzo Pirelli con inizio alle ore 10.

Il Consiglio regionale tornerà a riunirsi martedì 21 aprile sempre all’Auditorium Gaber con all’ordine del giorno i progetti di legge dedicati all’incremento del capitale sociale di Milano Serravalle – Milano Tangenziali, alle nuove norme sull’eliminazione delle barriere architettoniche, all’istituzione del Premio “Lombardia è Musica” e del riconoscimento “Anello Sigillo Longobardo”: prevista infine anche la revoca di un componente di Orac, l’organismo regionale anticorruzione.

Il 5 maggio la seduta sarà dedicata agli atti di indirizzo (interrogazioni, interpellanze e mozioni), mentre il 12 maggio all’ordine del giorno ci saranno i progetti di legge di semplificazione e di revisione normativa ordinamentale e quello legato al servizio volontario di vigilanza ecologica. Alle sedute di aprile non sarà consentita la partecipazione di giornalisti e persone esterne, ma solo di personale autorizzato: le sedute saranno trasmesse in diretta streaming sul sito del Consiglio regionale.

Da MyValley.it-4 ore fa

admin

Lascia un commento