Comunità senza barriere nelle idee degli studenti

Comunità senza barriere nelle idee degli studenti

Da Buja a Bruxelles, giunge una proposta per l’abbattimento delle barriere architettoniche a favore dei portatori di disabilità.

Si tratta del progetto “I futuri geometri progettano l’accessibilità” che è stato presentato in commissione occupazione e affari sociali (Empl) a Bruxelles da Elena Lizzi, europarlamentare e assessore al bilancio a Buja. Il progetto è elaborato grazie all’impegno di Mariasol Calligaro, messaggera di Fiaba Onlus, un’organizzazione senza scopo di lucro che promuove l’eliminazione di tutte le barriere fisiche, culturali, psicologiche e sensoriali per la diffusione della cultura delle pari opportunità. «Il concorso – spiega Lizzi – ha l’obiettivo di premiare i migliori progetti di abbattimento di barriere architettoniche e stimolare un processo di ricerca utile per formare alunni e sensibilizzare professori e professionisti sul tema dell’accessibilità globale». «Gli studenti degli istituti tecnici – aggiunge Marisol Calligaro – a indirizzo costruzione, ambiente e territorio (Cat) dovranno realizzare un progetto di abbattimento di barriere architettoniche del costruito che rispetti la normativa vigente in materia di accessibilità. I progetti presentati dagli istituti verranno esaminati da una commissione che designerà i primi tre classificati per ogni categoria, spazi urbani, edifici pubblici e scolastici, strutture per il tempo libero. Gli studenti autori dei progetti scelti riceveranno un premio e saranno invitati a partecipare alla cerimonia di premiazione che si terrà a Roma».

di Piero Cargnelutti da il Messaggero Veneto del 27.05.2020

admin

Lascia un commento