Chiavari: Consiglio comunale via internet

Chiavari: Consiglio comunale via internet

Nel primo pomeriggio si è riunito virtualmente il Consiglio Comunale per la discussione di tre punti all’ordine del giorno:

All’appello risulta assente il consigliere Lino Cama.

  • Variazione di bilancio di previsione riguardante il ripascimento delle spiagge, la sospensione del dragaggio del porto (rimandata a tempi migliori), l’efficientamento della caserma della Polizia di Stato in via Brizzolara, le pratiche elettorali che slitteranno, l’accreditamento di 6 milioni di euro da parte del Ministero per l’abbattimento delle barriere architettoniche nella Stazione Ferroviaria. La pratica è approvata a maggioranza (contrari Roberto Levaggi, Daniela Colombo e Silvia Garibaldi).
  • Piano finanziario sul costo del trattamento dei rifiuti urbani. La spesa prevista di 5.197.859,36 euro si ridurrà circa 70.000 dopo l’affidamento alla ditta Arera. La pratica è approvata a maggioranza, con l’astensione della minoranza.
  • Debito fuori bilancio per la frana della cava di bacezza dove vengono conferiti i rifiuti. Il materiale franato è stato trasferito vicino alla Spezia con una spesa di 2.927,10 euro. Grazie ad un residuo di cassa di 1.702 euro, il totale da pagare sarà di euro 1.225,10. La pratica è approvata con una sola astensione e “l’uscita dall’aula” di Gianni Giardini.
  • L’allegato B riguardava una mozione di Gianni Giardini circa gli argini del Rupinaro ma lo stesso consigliere la ritira per riproporla in tempi meno calamitosi.

Prima di chiudere la seduta il presidente Antonio Segalerba ringrazia i medici e tutto il personale sanitario che si sta adoperando in modo encomiabile per far fronte alla pandemia. Ai ringraziamenti si unisce il consigliere Sandro Garibaldi che inoltre invita con forza a mantenere alta la guardia, e considerare la possibilità che le mascherine possano diventare obbligatorie poiché i numeri in Liguria non sono così confortanti come si vorrebbe.

Da Levante News-3 ore fa

admin

Lascia un commento