Camogli, arenile accessibile alle persone disabili: progetto approvato

Camogli, arenile accessibile alle persone disabili: progetto approvato

Approvato il progetto definitivo per trasformare la porzione di spiaggia accanto alla Terrazza delle Fantasie marine (sopra il depuratore) in un tratto di arenile accessibile anche alle persone diversamente abili. Si tratta di una porzione di spiaggia, in concessione alla Lega Navale di Camogli che, da anni, organizza corsi di vela e attività legate al mare cui possono partecipare i disabili.

L’intervento, progettato dagli architetti Federica Casale e Giovanni Bertolotto, prevede la realizzazione di opere finalizzate all’abbattimento delle barriere architettoniche e la predisposizione di misure necessarie che a facilitare l’avvicinamento all’arenile da parte di tutti, diversamente abili compresi.

Sarà possibile raggiungere la battigia da via Garibaldi attraverso un percorso di pedane, già utilizzate, in maniera meno strutturata, nelle passate stagioni. La Lega Navale dispone di lettini e di carrozzine (adatte a entrare in acqua) e, come spiega Francesco Doddis, colonna della Lega Navale, cui sarà affidata la gestione dei servizi, “verrà posizionata in mare una boa sonora per consentire alle persone non vedenti e disabili di fare il bagno in sicurezza”.

Saranno costruiti un locale-spogliatoio, una toilette anche per disabili e un gruppo docce; i disabili be fruiranno gratuitamente mentre i bagnanti normodotati dovranno versare un piccolo contributo, dice Doddis.
L’importo dell’intervento ha un costo di 48 mila euro, di cui 15 mila finanziati da Regione Liguria. Un nuovo step verso l’abbattimento delle barriere architettoniche che s’inserisce in una serie di opere – come la costruzione dell’ascensore pubblico da largo Tristan da Cunha a via XX Settembre, vicino al Municipio, con tappa intermedia al piano del museo marinaro Gio Bono Ferrari, dove è stato realizzato uno scivolo per permettere il passaggio delle carrozzine, e l’ascensore del Torrasco, in fase di realizzazione – mirate ad agevolare la fruizione della città da parte di persone con disabilità o difficoltà motorie. 

da Il Secolo XIX del 12/5/2021

admin

Lascia un commento