Bonus 600 euro Inps e compatibilità con pensioni d’invalidità: ok agli invalidi civili

Bonus 600 euro Inps e compatibilità con pensioni d’invalidità: ok agli invalidi civili

Una nota dell’Inps ha chiarito che gli invalidi civili possono percepire il bonus di 600 euro: ‘Non c’è alcuna incompatibilità tra le due misure’.

Chi percepisce una pensione di invalidità potrà accedere agli aiuti riconosciuti dal decreto ‘Cura Italia’, sia per quanto concerne il bonus di 600 euro di marzo che per i probabili 800 euro di aprile (si pensa di aumentare il sussidio). Lo ha precisato una nota di risposta dell’Inps alla Fish, Federazione Italiana Superamento Handicap che chiedeva dei chiarimenti in merito alla compatibilità tra l’indennità e le invalidità.

L’Inps fornisce ulteriori chiarimenti sul premio

La circolare Inps numero 49 del 30 marzo, inerente le istruzioni per l’erogazione del bonus, aveva creato un po’ di confusione tra i patronati sindacali sull’argomento.

Così la Fish aveva chiesto delucidazioni all’Istituto Nazionale di Previdenza Sociale che ha risposto due giorni fa: “In merito alla richiesta di chiarimento, si comunica che le disposizioni del decreto escludono ogni sorta di incompatibilità con le Pensioni percepite da disabili civili, ciechi e sordi”. Quindi l’inconciliabilità tra bonus 600 euro e pensioni riguarda esclusivamente i trattamenti previdenziali e non quelli di invalidità.

Il Presidente Fish: ‘Mai smentita fu più gradita’

Vincenzo Falabella, in qualità di Presidente del sindacato in questione, ha apprezzato il chiarimento giunto dall’Inps ma, al contempo, ha ricordato un altro punto cardine delle attuali perplessità: “Resta ancora il dubbio sui modi d’applicazione dell’articolo 26 del decreto ‘Cura Italia’ che stabilisce che le assenze dei lavoratori diversamente abili, immunodepressi o clinicamente a rischio debbano essere equiparate, fino al 30 aprile, alla degenza in ospedale”.

Il Presidente della Fish attende notizie dalle Autorità su come far divenire eseguibile questa misura.

Al momento nessuna erogazione per il bonus di 600 euro

Pare proprio che i bonus di 600 euro non verranno pagati entro il 15 aprile, come dichiarato inizialmente dal Presidente dell’Inps, Pasquale Tridico. Quindi professionisti, collaboratori, lavoratori dello spettacolo, agricoli e stagionali dovranno attendere ancora un po’ dato che, al momento, non esiste un calendario di pagamento ufficiale.

Il Sottosegretario del Mef, Antonio Misiani, ha sottolineato in proposito che l’erogazione del sussidio avrà luogo entro metà aprile e non per tutti nella stessa data, bensì scaglionato in più giorni. Tutto da rifare per quei professionisti iscritti alle Casse di Previdenza private. Infatti, nel decreto liquidità è stabilito che per usufruire del bonus occorra essere iscritti, ‘in via esclusiva’ alla Cassa.

Quindi i professionisti che svolgono anche un’attività, ad esempio da dipendenti, andranno incontro all’annullamento della propria domanda. Al momento i pagamenti risultano sospesi, in attesa delle autocertificazioni.

Da Blasting News Italia-10 apr 2020

admin

Lascia un commento