Ascensori fuori uso e barriere architettoniche. La Roma a cinque stelle lascia a casa i disabili

Ascensori fuori uso e barriere architettoniche. La Roma a cinque stelle lascia a casa i disabili

Dalla linea A alla linea C, i disagi degli utenti nelle stazioni metro della città

A Grotte Celoni entrambi gli ascensori sono fuori uso, a Subaugusta il montacarichi è fermo da due anni e a Termini, gli stessi, funzionano a giorni alterni (come le scale mobili). A Torre Angela, invece, ci sono barriere architettoniche agli ingressi della stazione e usufruire di questa metro è praticamente impossibile per Luca che abita a poco più di 100 metri da qui ma che deve, però, recarsi a Torrenova se vuole spostarsi dal quartiere. Non è tutto. Accade anche che debba tornare a casa nel modo migliore possibile e rinunciare a una visita medica perché gli ascensori sono rotti anche alla stazione metro di Grotte Celoni, linea C che collega il centro alla periferia, o che per uscire dalla banchina debba farsi portare a braccia in superficie.

Luca è un disabile in carrozzina, da anni denuncia l’abbandono delle istituzioni nei confronti dei portatori di handicap costretti a fare delle rinunce ogni giorno, costretti a non poter usufruire degli stessi servizi a cui hanno accesso, invece, i normodotati. Le prime denunce di Luca risalgono al novembre del 2016, poi ancora negli anni successvi, di nuovo nel 2019 e adesso.

“Non ce la faccio più, è vergognoso e indegno il modo in cui veniamo trattati in questa città, ho riflettuto a lungo, andrò via da Roma, continuare a vivere così è impossibile” ha detto Luca, ferito dall’ennesima delusione. Già perché succede anche Luca debba risalire in superficie alla prima metro utile, prendere un bus e recarsi alla successiva stazione metro per andare nella direzione opposta. E non c’è slogan che tenga di fronte a questo, non ci sono altre promesse da mantenere.

È sufficiente consultare il sito dell’azienda del trasporto pubblico – Atac – alla sezione ‘accessibilità’ per constatare quanto possa diventare difficile, se non impossibile, muoversi in città per chi vorrebbe utilizzare le metropolitane e ha come compagna di viaggio una carrozzina.

Metro A:

– Stazione Subaugusta: ascensore lato Anagnina fuori servizio

– Stazione Ponte Lungo: ascensori interni da atrio a banchina, fuori servizio

-Stazione Giulio Agricola: montascale esterno, montascale interno banchina direzione Anagnina, fuori servizio.

– Stazione Manzoni: ascensore esterno, ascensori interni, montascale fuori servizio

– Stazione Flaminio: scale mobili e montascale non attivi

– Stazione Lepanto: montascale fuori servizio

– Stazione Ottaviano: in corso lavori di installazione percorsi tattili per ipovedenti. Cantieri attivi nelle ore notturne; nelle ore diurne aree di cantiere coperte ma accessibili e segnalate. Fare attenzione alla segnaletica che indica le aree.

– Stazione Baldo degli Ubaldi: ascensori lato Cornelia fuori servizio

– Stazione Cipro: scale mobili fuori servizio

Metro B

Tratta Rebibbia- Castro Pretorio, per sostituzioni integrali di scale mobili e ascensori nelle stazioni di: Rebibbia, Ponte Mammolo, Santa Maria del Soccorso, Pietralata, Monti Tiburtini, Quintiliani, Tiburtina e Bologna, ascensori e/o scale mobili fuori servizio.

– Stazioni Castro Pretorio e Policlinico, chiuse al servizio viaggiatori.

– Stazione Termini: ascensori sottopasso collegamento banchine, non attivi, ascensori esterni per entrambe le banchine, fuori servizio.

– Stazione Colosseo: scala mobile e montascale, fuori servizio.

– Stazione Piramide: scale mobili fuori servizio

– Stazione Magliana: scale mobili non attive

– Stazione Eur Palasport: ascensore fuori servizio

Metro C

– Stazione Pantano: ascensori fuori servizio

Da RomaToday 1/4/2021

admin

Lascia un commento