Accesso dei disabili alle spiagge leccesi: progetto per nove passerelle

Accesso dei disabili alle spiagge leccesi: progetto per nove passerelle

Tre a Torre Rinalda, quattro a San Cataldo, una a Spiaggiabella e Torre Chianca. Le ubicazioni stabilite in base alle richieste dei cittadini

LECCE – Nove passerelle fisse in legno garantiranno nelle marine leccesi l’accesso alle spiagge dei disabili. Il progetto, dell’importo di 137mila euro (provenienti dai ricavi di distribuzione dell’Autorità per l’energia elettrica e il gas), è stato approvato oggi dalla giunta comunale nelle more della redazione del più generale piano per l’accessibilità della città di Lecce.

Tre saranno installate a Torre Rinalda (via Monza, via Termini Imerese, via Portonovo), una a Spiaggiabella (via Taormina), una a Torre Chianca (via Marebello) e quattro a San Cataldo (lungomare Marina d’Italia, lungomare Da Verrazzano e lungomare Vespucci). Per Frigole, invece, le passerelle saranno realizzate per il progetto “Traterraemare”, finanziato dalla Regione Puglia. 

Le soluzione scelte per la realizzazione dei percorsi pedonali sono sostenibili dal punto di vista ambientale e anzi, precisa una nota di Palazzo Carafa, “favoriranno la rinaturalizzazione delle aree, la ricrescita della vegetazione spontanea locale e il processo di ricongiungimento e ricostruzione delle dune. Le pendenze di progetto rispecchiano quelle del corpo dunare e sono il più possibile contenute, in modo da essere percorribili in sicurezza  da persone con disabilità, da persone con passeggini o carrozzine, da bambini e persone anziane. La scelta della localizzazione delle passerelle ha tenuto conto delle richieste giunte da parte dei cittadini, delle previsioni del Piano Comunale delle Coste e degli attuali accessi al mare”.

“Grazie all’Ufficio Peba (piano eliminazione barriere architettoniche) – ha dichiarato il vicesindaco e assessore ai Lavori Pubblici, Alessandro Delli Noci – e attraverso l’interlocuzione costante con le associazioni e con i cittadini con disabilità e con esigenze specifiche, siamo in grado di raccogliere con puntualità i bisogni di tutti e di mettere in campo azioni concrete di risposta agli stessi bisogni. Queste passerelle rappresentano appunto una risposta alla necessità di garantire a tutti l’accesso alle spiagge e al mare, un obiettivo strategico di primaria importanza. Voglio ricordare che lo scorso anno abbiamo proceduto alla realizzazione di sei percorsi fissi e dieci mobili proprio per consentire a tutti di poter raggiungere il mare e di farlo nella massima sicurezza e semplicità. Questo progetto ci consente da una parte di tutelare e garantire il diritto all’accesso al mare e dall’altra di proteggere le nostre dune e la vegetazione locale”.

Da Lecceprima.it-18 ore fa

admin

Lascia un commento