Accessibilità, nasce in Lombardia un centro tecnico specializzato

Accessibilità, nasce in Lombardia un centro tecnico specializzato

MILANO. Promosso da Ledha, Comune di Milano e Fondazione Cariplo, il CRABA offrirà assistenza e informazioni a famiglie e progettisti per abbattere barriere architettoniche, sensoriali o della comunicazione ,

MILANO – Qual è la pendenza corretta per lo scivolo per le sedie a rotelle? Come realizzare un sito internet veramente accessibile alle persone ipovedenti? Per trovare una risposta a queste e a tante altre domande esiste ora il “Centro regionale per l’accessibilità e il benessere ambientale” (CRABA), presentato oggi a Palazzo Reale a Milano. È il primo centro di riferimento tecnico attivo nel capoluogo e in tutta la Lombardia che fornisce gratuitamente informazione, consulenze e supporto nella progettazione di ambienti accessibili. Il centro si rivolge alle persone con disabilità e ai loro famigliari oltre che ai tecnici e ai progettisti che lavorano presso enti pubblici e privati. È un progetto promosso e sostenuto dalla Lega per i diritti delle persone con disabilità (Ledha) della Lombardia, da Ledha Milano, Comune di Milano e Fondazione Cariplo.
“Oggi, quando una persona con disabilità o un anziano deve abbattere una barriera architettonica per rendere accessibile la propria casa non sa a chi rivolgersi per ottenere informazioni corrette in merito alla normativa, ai possibili contributi di cui usufruire, alle specifiche tecniche da rispettare-spiega Armando De Salvatore, direttore tecnico del CRABA-. In questi anni, inoltre, abbiamo capito che anche da parte di tecnici e progettisti c’è un grande bisogno di avere un supporto e delle indicazioni corrette per muoversi tra norme spesso di non semplice interpretazione. Il CRABA vuole dare una risposta organica a tutte queste esigenze”.
Consulenza e assistenza non si limiteranno al superamento delle barriere architettoniche: il CRABA vuole fornire un’assistenza a 360 gradi per eliminare quelle barriere fisiche, sensoriali o della comunicazione che impediscono alle persone con disabilità motoria, sensoriale intellettiva di vivere e accedere pienamente agli spazi pubblici e privati. Nei prossimi tre anni, inoltre, il CRABA curerà, in collaborazione con l’assessorato alle Politiche sociali e della casa, un progetto pilota su alcuni alloggi dove testare soluzioni progettuali, impiantistiche, spaziali e tecnologiche per migliorare l’accessibilità. Inoltre la collaborazione prevede un intervento finalizzato a orientare i cittadini con disabilità nelle progettualità e nell’accesso ai contributi previsti dalla legge sul “Dopo di noi” e a supportare i lavori dell’Ufficio barriere architettoniche del Comune di Milano.

Per info: craba@ledha.it

Da Redattore Sociale del 07.12.2019

admin

Lascia un commento