2021: notizie positive e diritti per i disabili

2021: notizie positive e diritti per i disabili

Il 2020 è stato un anno davvero eccezionale, carico di sofferenze e di angosce, personali e collettive, nazionali e globali; ma tra tante notizie poco piacevoli sono contento di chiudere l’anno condividendo con i nostri lettori notizie positive per il mondo dei diritti umani, politici e civili legati alla disabilità.


In merito alla legge di bilancio 2020, possiamo concordare con l’Associazione Luca Coscioni e, quindi, esprimere soddisfazione per l’approvazione di alcuni provvedimenti relativi proprio ai diritti dei disabili.


Innanzitutto, sarà più semplice per le persone con disabilità la raccolta delle firme per i referendum costituzionali e abrogativi: dal 2022 finalmente saranno valide anche le firme digitali.


Infatti, un emendamento alla manovra, approvato in commissione Bilancio, stanzia, a partire dal 2021, centomila euro all’anno per la creazione, presso la Presidenza del Consiglio, di una piattaforma per la raccolta delle firme digitali.
Le sottoscrizioni online, peraltro, saranno finalmente esentate dall’autenticazione da parte dei pubblici ufficiali.


La norma apre la strada alla possibilità per tutti di poter sottoscrivere la richiesta di referendum via web anche se, per rendere operativo il sistema, servirà un’ulteriore norma ad hoc.
Rocco Berardo, coordinatore delle iniziative disabilità dell’Associazione Luca Coscioni, a tal proposito, ha dichiarato: “L’istituzione di una piattaforma per la raccolta di firme digitali per le persone con disabilità, volta a garantire la piena inclusione nella partecipazione democratica – in particolare per la raccolta firme di referendum e proposte di legge di iniziativa popolare – è un primo passo per l’evoluzione delle forme di partecipazione democratica diretta a partire da quella delle persone con disabilità”.


L’Associazione ricorda le iniziative nonviolente portate avanti da anni su queste problematiche da Marco Gentili, affetto da una forma di Sla che gli consente di muovere solo un dito e co-Presidente dell’Associazione Luca Coscioni, insieme a Mario Staderini, come il Duran Adam (ossia rimanere in piedi ed in silenzio, in questo caso con in mano una penna e un modulo di raccolta di firme) al fine di promuovere un dialogo con le istituzioni affinché venisse garantito il pieno diritto a godere dei diritti costituzionalmente sanciti anche ricorrendo a strumenti digitali.
Sempre in materia di legge di bilancio, si segnala, inoltre, l’istituzione del superbonus del 110% per il superamento delle barriere architettoniche nei condomini per mezzo di ascensori o montascale.


“È un grande passo in avanti – hanno dichiarato Filomena Gallo e Rocco Berardo, rispettivamente Segretario nazionale e Coordinatore delle iniziative sulla disabilità dell’Associazione Luca Coscioni – per centinaia di migliaia di persone con disabilità che a causa di vecchie conformazioni degli edifici vedono negare la propria libertà e autonomia a volte per pochi gradini”.


“Per questo non ci sembra esagerato affermare che l’emendamento inserito dalla Commissione Bilancio nella manovra di bilancio in corso di approvazione in questi ultimi giorni dell’anno è un vero e proprio superbonus per la libertà, emendamento per il quale dobbiamo ringraziare per l’impegno le forze parlamentari che lo hanno sostenuto e il Governo che in ultima istanza ha riconosciuto il valore della proposta”.


“Il suo impatto avrà, non solo in termini di lavori di ristrutturazione, ma direttamente sui diritti e le libertà dei cittadini, una ricaduta in termini economici esponenziale”.
Questo dal versante normativo; dal fronte giudiziario, si segnala che dopo una battaglia legale condotta dall’Associazione Luca Coscioni e durata tre anni, il sovrappasso pedonale che collega la stazione di Ostia Antica al famoso Parco Archeologico sarà, finalmente, reso accessibile alle persone con disabilità motoria.


Con l’Ordinanza del 14 dicembre 2020, infatti, il Tribunale di Roma ha condannato l’amministrazione comunale guidata dal Sindaco Virginia Raggi per condotta discriminatoria nei confronti delle persone con disabilità.


Al termine del lungo iter legale, il Tribunale, dopo aver respinto tutte le eccezioni presentate dall’avvocatura comunale, ha condannato Roma Capitale ad adottare entro sei mesi un Piano volto alla rimozione delle barriere architettoniche presenti presso la Stazione di Ostia Antica. Il Piano dovrà essere elaborato da Roma Capitale sentita l’Associazione Luca Coscioni e dovrà garantire la piena accessibilità del cavalcavia – e la sua fruibilità in condizioni di sicurezza – anche a tutte le persone con disabilità; a risarcire il danno non patrimoniale cagionato all’Associazione Luca Coscioni, danno che il Giudice ha quantificato in via equitativa in una somma pari ad Euro 10.000,00.


Si tratta della quarta condanna per condotta discriminatoria nei confronti delle persone con disabilità inflitta in sede giudiziaria al Comune di Roma sulla base di altrettante iniziative legali promosse dall’Associazione Luca Coscioni.


È un tema che riguarda, ovviamente, non solo Roma Capitale ma tanti Comuni italiani che dovrebbero seriamente cominciare ad affrontare questo tema provvedendo a rimuovere gli ostacoli e le barriere architettoniche e ad evitare, così, le condotte discriminatorie previste dalla legge n° 67/2006, rubricata “Misure per la tutela giudiziaria delle persone con disabilità vittime di discriminazioni”.

Da Ivi24 31/12/2020

admin

Lascia un commento