Schio, via le barriere architettoniche dal cimitero

Schio, via le barriere architettoniche dal cimitero

Continua l’impegno dell’Amministrazione comunale di Schio per l’eliminazione delle barriere architettoniche dai luoghi pubblici. Nel cimitero di Santa Croce, infatti, si è da poco concluso un intervento per migliorarne l’accessibilità e per consentire a tutti, soprattutto a chi ha difficoltà motorie, di far visita ai propri cari defunti senza ostacoli e in completa sicurezza. 

Un intervento che è stato strutturato in due stralci: il primo riguardante la sistemazione delle due rampe ai lati dell’ingresso del camposanto (ultimata già lo scorso ottobre) e il secondo, invece, concluso un paio di settimane fa e relativo alla realizzazione di una nuova pavimentazione che è andata a sostituire il ghiaino che dall’entrata conduce ai loculi.  «La presenza del ghiaino, di fatto, rendeva difficoltoso l’accesso di chi è in carrozzina o di chi ha ridotte capacità motorie – spiega l’assessore ai lavori pubblici, Sergio Rossi -. Con questa nuova pavimentazione, e con la sistemazione delle due rampe già esistenti che avevano bisogno di essere riadattate sotto il profilo della pendenza, abbiamo reso il cimitero di Santa Croce molto più accessibile». 

Nello specifico l’operazione si è concentrata su una superficie di 155 metri quadri con la tecnica del “ghiaino lavato” che ha portato a un risultato visivamente uguale a quello precedente, ma con una pavimentazione calpestabile senza le problematiche causate dall’instabilità della ghiaia. Oltre alla realizzazione del massetto in calcestruzzo (dello spessore di 15 centimetri), si è proceduto anche con l’installazione dei giunti di dilatazione, che permettono di contrastare le fessure e le sollevazioni della pavimentazione causate dalle variazioni termiche, e con la messa in opera delle pendenze per lo smaltimento delle acque piovane. 

«Questi lavori, realizzati nel periodo di chiusura del cimitero per l’emergenza sanitaria, rientrano nel novero degli interventi previsti per ottimizzare l’accessibilità dei luoghi pubblici nel territorio scledense che stiamo portando avanti attraverso il P.e.b.a – aggiunge l’assessore Rossi -. Un impegno che stiamo portando avanti anche con la preziosa collaborazione della “Commissione Città Senza Barriere”». 

Oltre alla nuova pavimentazione e alla sistemazione delle due rampe con il secondo stralcio dei lavori si è proceduto con il rifacimento dei sotto servizi relativi alla rete fognaria, con la sostituzione delle tubature d’entrata dell’acquedotto e di quelle per lo smaltimento delle acque bianche bianche provenienti dalle caditoie e dai tetti e con l’installazione di una griglia più ampia di quella già presente nell’area del porticato d’ingresso del cimitero per lo smaltimento delle acque piovane. Il costo complessivo dell’intervento è di 20.800,00 euro (iva esclusa). 

Da tviweb-7 ore fa

admin

Lascia un commento